Quintoveda 2.0: la nuova sede, OPERA e il programma dell’autunno 2017

Sono tantissime le novità con le quali l’ Associazione Panta Rei e Quintoveda riaprono l’attività dopo la pausa estiva.
Innanzitutto i locali, che si sono trasferiti uno spazio nuovo e molto bello in via Altobelli 3/A dando la possibilità di proporre una offerta ancora più ricca di corsi ed eventi nel locale che è diventato il punto di riferimento per l’arte e la creatività nel territorio imolese.
Eventi e corsi che saranno parte integrante dell’attività di OPERA, il centro di ricerca e sperimentazione per le arti performative creato da Panta Rei, che dal 2010 lavora sul territorio in ambito artistico e culturale, e da un nutrito gruppo di artisti ed intellettuali che condividono metodi e obiettivi.
Per presentare l’offerta formativa del centro e i tanti eventi già in calendario a settembre, Quintoveda ha organizzato sabato 16 settembre, a partire dalle ore 18, una festa di inaugurazione che vedrà il suo culmine nel concerto degli Animarma, la band che ha aperto a Modena Park l’ultimo concerto di Vasco Rossi.

Il programma della serata prevede:

dalle ore 18 aperitivo e buffet in collaborazione con Bottega Zero – Spesa eco zero spreco,

– performance a cura di OPERA Centro di Sperimentazione e Ricerca Arti Performative, degli artisti che sostengono il progetto e dello staff insegnanti

GABBIE – a cura della Compagnia EXIT

ANATOMIA DELL’INQUIETUDINE – a cura di Gianmaria Beccari, musiche a cura di Filippo Medici

Improvvisazioni degli allievi di Teatrodanza e degli insegnanti di Opera a cura di Serena Fossanova e Samanta Sonsini

CIRCUM-NAVIGAZIONI ACROBATICHE a cura di Mariagrazia Bazzicalupo

dalle ore 21.30 Animarma in concerto

a seguire dj set di Marco Ziu Belo Bianchi

IL PROGRAMMA DEGLI EVENTI DI SETTEMBRE

MARTEDÌ 19 SETTEMBRE, ORE 21

Presentazione dei laboratori di teatro, danza e musica con performance degli insegnanti.

Excerpt from ICHÓ – Performance: è un estratto dell’ultimo progetto del collettivo Movement Research realizzata da Noemi Rotondo, danzatrice.

MARAT-SADE – Quando si alza il vento_Io sono la rivoluzione: letture a cura di Reina Saracino, attrice e regista.

INQUIETUDO 3.0: estratto dello spettacolo a cura di Samanta Sonsini, performer e danzaterapeuta.

Interverrà Antonino Stella per presentare le possibilità offerte da Opera relativamente all’ambito musicale.

MERCOLEDÌ 20 SETTEMBRE, ORE 21

Jam Session

GIOVEDÌ 21 SETTEMBRE, ORE 21

Siamo tutti in ballo! Serata di ballo sfrenato in collaborazione con le scuole di ballo del territorio e non solo.

VENERDÌ 22 SETTEMBRE, ORE 21

Presentazione della biblioteca e del progetto co working.

A seguire reading e dj set

SABATO 23 SETTEMBRE, ORE 21

Le foche d’artificio in concerto

a seguire DJ BOYLER

DOMENICA 24 SETTEMBRE, ORE 18

Aperitivo Unplugged: Aperitivo e buffet

Lola Stonecracker in concerto in collaborazione con Bura promotion

MARTEDÌ 26 SETTEMBRE, ORE 21

Zendar Off in concerto, progetto musicale nato nel 2005 dal cantautore pugliese Amalio Trombetta

MERCOLEDÌ 27 SETTEMBRE, ore 21

Teatro e cittadinanza, incontro pratico-teorico su empowerment e cittadinanza attiva e il ruolo che il teatro può avere, a cura di Compagnia EXIT

GIOVEDÌ 28 SETTEMBRE, ORE 21

Siamo tutti in ballo! Serata di ballo sfrenato in collaborazione con le scuole di ballo del territorio e non solo.

VENERDÌ 29 SETTEMBRE, ORE 21

Presentazione del romanzo L’alfabeto della mente di Silvia Lodini

a seguire Dj set

SABATO 30 SETTEMBRE, ORE 21

Le barbe del gatto nudo in concerto

a seguire Dj set OHM GURU

OPERA – Open space for Performing Arts Experimentation and Reasearch: le arti performative e quindi la cultura sono straordinari strumenti di comunicazione che permettono la diffusione di valori morali, etici, civili ed umani che devono essere costantemente riaffermati nella loro importanza vitale, all’interno di una società civile e lungimirante, in un periodo storico in cui l’attenzione per il corpo, le emozioni e l’espressività tendono sempre più a venir meno a ad essere offuscati dal bombardamento mediatico di informazioni che stanno lentamente cambiando il modo dell’uomo non solo di vivere, ma anche di percepire la realtà e l’altro.

Teatro, danza contemporanea, teatro-danza,  arti figurative, musica, foto, video, sartoria, arti circensi, danza terapia e discipline volte alla conoscenza del proprio corpo e delle proprie emozioni come lo yoga o il pilates ma anche cibo, serate culturali, co-working e uno spazio biblioteca, riunite in un unico luogo, dove l’arte vive quotidianamente tra palcoscenico e laboratori in un’ottica di contaminazione come caratteristica fondamentale affinché le arti possano essere al passo con i tempi e raccontare il mondo contemporaneo dando all’uomo gli strumenti per poterlo comprendere.

Un luogo dove essere creativi non è un hobby ma uno stile di vita.

OPERA nasce come uno spazio di libertà creativa, dove le idee possano essere trasformate in azioni, in musica, in immagini, nel costante scambio culturale, artistico ed umano dove al centro sta la persona. Le arti, con la loro tecnica specifica sono un mezzo (non l’obiettivo) per esprimere sé stessi, sperimentarsi, e crescere.

Dopo essere stati nostri ospiti di Quintoveda per il contest Wanted 1° Maggio ad Aprile 2017 tornano gli Animarma nati nel 2011 come trio alternative rock dalle sonorità potenti ma con aperture melodiche che trova piena espressione nella dimensione live, in cui il gruppo si scatena liberando un’intensa energia.

Il nuovo ep”Horus”, distribuito e promosso da Alka record label. “HORUS” è il nuovo ep ANIMARMA, interpretato come un nuovo inizio e un ritorno alle origini dei primi anni di formazione, perdute nel corso del tempo da frivolezze quasi pop rock.

Questa volta a differenza di un passato caratterizzato da un alternative rock all’inglese, la nuova sonorità è fortemente personale, con un sound decisamente più hard rock e nello stesso tempo, a tratti, stoner post metal. Sotto la supervisione di ALKA RECORD LABEL e il proprio staff: NELL’ADE, TUNNEL DEL DOLORE, INVISIBILE, SCIE CHIMICHE E SPUTA FUORI sono le 5 tracce che compongono il nuovo lavoro discografico della band. Il videoclip ufficiale “NELL’ADE”, brano d’impatto accattivante, è rappresentato come luogo d’appartenenza dell’uomo e della società attuale, meglio definito come “L’inferno in terra” in tutte le sue sfaccettature. Nel video la band interpreta lo stato d’animo e la rabbia di una figura in stile “madmax post nucleare” persa in un luogo fatiscente che, rappresentata come società, include aspetti al quanto inquietanti e nello stesso tempo reali, odierni, in una linea sottile di speranza nonostante il futuro sia incerto e avverso. La semantica dei testi tratta temi sociali a volte di protesta descrivendo le contraddizioni e le debolezze dell’uomo. Le liriche descrivono i due aspetti opposti tra la solidarietà e il masochismo del genere umano, dove ognuno ha sempre libero arbitrio su scelte di vita giuste o sbagliate che siano.

Enjoy Your Town: questa settimana Karamazov, Inquietudini nordiche, Workshon di urban photography, Wanted Primo Maggio

Terza settimana di eventi per la 3° edizione di Enjoy Your Town, Festival di arti performative in programma fino al 29 aprile 2017 che si sta svolgendo nelle aree urbane del centro storico di Imola e propone oltre cento eventi declinati secondo il tema delle Inquietudini Contemporanee.
Enjoy Your Town è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola, con il supporto di tantissime attività commerciali e non della città.
L’obiettivo del festival è proporre tanti momenti di riflessione su una tematica che oggi è veramente all’ordine del giorno, che riguarda tutti noi, nelle nostre incertezze e fragilità.

Gli eventi dal 7 al 17 aprile

Venerdì 7 aprile
ore 21.00 I soliti ignoti – Quintoveda (via Cavour 58). Cover band acustica

Sabato 8 aprile
ore 10-17 Inquietudini urbane – Quintoveda (via Cavour 58). Laboratorio di street photography. A cura di Carlo Alberto Civolani e Michela Balboni. info e prenotazioni: info@quintoveda.com, SMS 3891977257, Segreteria 0542 22520
ore 11/ 12:30 Incursioni boreali – via Nardozzi, via Emilia, via Quaini. Incursioni teatrali liberamente ispirate alle saghe nordiche. A cura di Quintoveda e Carta e Calamaio.
ore 11.00 Karamazov in concerto– All the best music shop (via Mazzini 15) Indie italiano
ore 16-19 Inquietudini nordiche – Workshop di approfondimento sulla cultura scandinava Quintoveda (via Cavour 58). A cura della Dott.ssa Carla Casazza. Attraverso letteratura, musica, cinema, arti visive, filosofia sarà possibile approfondire la cultura e lo stile di vita dei popoli nordici che fanno dell’inquietudine una connotazione peculiare della propria anima, spinta al cambiamento, motore di indagine interiore, “musa” di artisti e intellettuali. Iscrizioni a carlacasazza67@gmail.com
ore 17:15 Oz in the dark – La città dei giochi (via Appia 56) lettura animata per ragazzi
ore 17.30 Alice una di noi – Via Emilia Ovest. Performance teatrale a cura della Compagnia Exit
ore 18.00 Anatomia dell’Inquietudine. Divagazioni filosofiche in compagnia di Chatwin e Dante – Chaimandir (via Orsini 35). L’inquietudine si rivela essere uno stato d’animo sempre più diffuso nelle società contemporanee. Durante l’incontro si cercherà di muoversi a ritroso nella storia del pensiero per sondare quanto essa sia costitutiva della stessa condizione umana e quali siano le sue relazioni con l’antitesi tanto spesso invocata, la quiete. Pietre miliari dell’itinerario saranno gli scritti di Bruce Chatwin e Dante Alighieri. A cura del filosofo Gianmaria Beccari
ore 19:00 Elastiche deformazioni – Top of the Hops (via Selice 60). Installazioni, performance, musica, letture a cura di Quintoveda. Birre artigianali a tema.
ore 20:00 Io sono ovunque – Terrazza Panoramica (via Selice 40). Spettacolo di Danza contemporanea e Musica Elettronica a cura di Samanta Sonsini e Pè.Gal
ore 21:00 Drive me dead – Quintoveda(via Cavour 58). Concerto Rock

Domenica 9 aprile
ore 10-17 Inquietudini urbane – Quintoveda (via Cavour 58). Laboratorio di street photography. A cura di Carlo Alberto Civolani e Michela Balboni. info e prenotazioni: info@quintoveda.com, SMS 3891977257, Segreteria 0542 22520
ore 11-13 e 15-17 Visioni Notturne – Quintoveda (via Cavour 58). Workshop movimento autentico e Teatro Danza
I workshop verteranno sull’immaginario grafico di Alfred Kubin, illustratore che racconta un generazione destinata agli scontri, al terrore, al caos, ai mostri della psiche. Un mondo onirico da esplorare attraverso il corpo, un mondo che fa da veicolo per le nostre emozioni. All’interno del laboratorio si sperimenteranno anche l’uso del colore, la pittura e la parola. Non sono necessarie esperienze precedenti di teatro o danza. Performance finale sabato 29 aprile per la giornata internazionale della danza. Docente: Samanta Sonsini
ore 17.00 Banda Tambù in concerto – Piazza dei Servi
ore 18.00 Parole musiche e gesti di strada –  piazza Matteotti. Spettacolo a cura del Teatro Degli Angeli –  regia di Claudia Rota
ore 19.00 Metropolitan – Centro storico. Performance itinerante in collaborazione con Eden Parkour
ore 19.30 Jam Session – Quintoveda (via Cavour 58)

Martedì 11 aprile
ore 21.00 Il trasformarsi di un essere – Quintoveda (via Cavour 58). Assolo di teatro-danza liberamente ispirato a La metamorfosi di F. Kafka a cura di Samanta Sonsini

Mercoledì 12 aprile
ore 21.00 Teatro e cittadinanza  – Quintoveda (via Cavour 58). Incontro a cura di Compagnia Exit

Giovedì 13 aprile
ore 21.00 Io sono ovunque  – Sala polivalente di Borgo Tossignano (via Zoffoli 1). Spettacolo di Danza contemporanea e Musica Elettronica a cura di Samanta Sonsini e Pè.Gal

Venerdì 14 aprile
ore 15.00 /17.00 Faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto – Bottega Zero (via Nardozzi). Laboratorio teatrale ispirato alla figura di V. Van Gogh a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta. Performance finale alle ore 19.
ore 17.30 Pollicino segreto – Bottega Zero (via Nardozzi). Lettura teatrale a cura della Compagnia Artisti Molesti
ore 18.00 / 19.00 Paint! – Bottega Zero (via Nardozzi). Laboratorio di pittura libera e movimento creativo per bambini da 2 anni in su.
Ore 19 Faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto – via Nardozzi, via Emilia. Performance conclusiva del laboratorio realizzato in collaborazione con Bottega Zero.
Ore 20 Faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto – via Cavour. Performance conclusiva del laboratorio realizzato in collaborazione con Bottega Zero.
Ore 21 Fuori rotta – Quintoveda (via Cavour 58). Concerto Pop Rock in collaborazione con Jeko Music

Sabato 15 aprile
ore 10-17 Ossa – Lo scheletro è la nostra casa – Quintoveda (via Cavour 58). Andare ad ascoltare, scoprire, esplorare la nostra struttura portante, attraverso il contatto e l’esperienza minuziosa, per schiudere il corpo e trovare possibilità di movimento senza sforzo. Gran parte del laboratorio sarà dedicata a questa esplorazione, segmento dopo segmento, per andare in realtà a ricreare una unità che ci sosterrà per tutta la parte coreografica che concluderà il laboratorio.
ore 17.00 From father to son live – All the best music shop (via Mazzini 15)
ore 17.30  Sovrap-posizioni –  Pomo Da Damo Contemporary Gallery (via XX settembre 27). Performance di teatro danza a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta.
ore 18.00 Improvvisazioni urbane a cura di Quintoveda
ore 18.30 Disincanto – Bottega Gollini Galleria D’arte (via Emila 43). Performance di teatro danza liberamente ispirata a Il Muro di J. P. Sarte a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta.
Ore 19.00 Wanted Primo Maggio – Quintoveda (via Cavour 58). Finale Emilia-Romagna del talent live in collaborazione con Hiroshima Mon Amour (To) e Toast Records

Lunedì 17 aprile
Giornata musei riflessi tra storia arte e contemporaneità in collaborazione con i Musei Civici di Imola
ore 10 Senza gravità –  Museo di S. Domenico (via Sacchi 4). Improvvisazioni di danza contemporanea con Djset di musica elettronica a cura di Pè.Gal e Samanta Sonsini
ore 11 Architetture di corpi e foglie – Palazzo Tozzoni (via Garibaldi 18). Performance di danza contemporanea e improvvisazione con musica dal vivo a cura di Quintoveda
ore 12 Sincronie –– Rocca sforzesca (Piazzale Giovanni dalle Bande nere). Performance di Teatro e Danza a cura della compagnia Alice gira in Città
ore 15.30 Senza gravità –  Museo di S. Domenico (via Sacchi 4). Improvvisazioni di danza contemporanea con Djset di musica elettronica a cura di Pè.Gal e Samanta Sonsini
ore 16  Inquietudini letterarie – Palazzo Tozzoni (via Garibaldi 18). Reading di testi di scrittori imolesi e non a cura di Carta e Calamaio
ore 17 Architetture di corpi e foglie – Rocca sforzesca (Piazzale Giovanni dalle Bande nere). Performance di danza contemporanea e improvvisazione con musica dal vivo a cura di Quintoveda
ore 18 Karamazov / La generazione persa – Museo di S. Domenico (via Sacchi 4). Giovane cantautore imolese racconta gli stati d’animo dei giovani d’oggi tra inquietudini e società contemporanea

Inoltre

dal 31 marzo al 28 aprile, ore 17-18, Zeta Lab / Hip Hop e danza urbana, da 6 a 10 anni.
Un percorso divertente e pieno di energia che andrà a contaminare l’hip hop con la danza urbana ovviamente a misura di bambino. Si lavorerà insieme sulle musiche, i movimenti e gli spazi per preparare una performance finale per il 29 aprile Giornata internazionale della danza. Docente: Samanta Sonsini. Info e iscrizioni: info@quintoveda.com, sms 3891977257

Trovate tutti gli eventi in calendario sul sito http://eyt.imola.city/

Al via la prima settimana del festival di arti performative Enjoy Your Town

Inizierà con una grande festa di apertura la 3° edizione di Enjoy Your Town, Festival di arti performative in programma dal 25 marzo al 29 aprile 2017 che si svolgerà come gli anni precedenti nelle aree urbane del centro storico di Imola nel mese che intercorre tra la giornata internazionale del teatro (27 marzo) e la giornata internazionale della danza (29 aprile), proponendo oltre cento eventi declinati secondo un tema specifico che farà da filo conduttore a tutte le performance: Inquietudini Contemporanee.

Enjoy Your Town è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola, con il supporto di tantissime attività commerciali e non della città.
L’
obiettivo del festival è proporre tanti momenti di riflessione su una tematica che oggi è veramente all’ordine del giorno, che riguarda tutti noi, nelle nostre incertezze e fragilità.
È
stata attivata anche una campagna di crowdfounding su Eppela per supportare il festival che è autofinanziato.
Al seguente link è possibile vedere il video promozionale del festival

Gli eventi dal 25 marzo all’1 aprile

Sabato 25 marzo
ore 13 Opening Brunch – Pranzo a buffet di finanziamento del festival a Quintoveda, via Cavour 58. Aperto a tutti i soci e a chi vuole diventarlo. Euro 10 bevande escluse + tessera per chi non la possiede (4 euro)
Prenotazione obbligatoria entro venerdì 24 marzo ore 13 info@quintoveda.com SMS 3891977257
ore 17.30 Io sono qui – Piazza Caduti per la libertà. Performance del gruppo di danza dell’istituto Alberghetti di Imola.
ore 17.45 The Starry Night
– Via Emilia, sotto l’orologio. Performance di danza a cura di Eleonora Vacca, insegnante di danza classica e danzatrice della compagnia Alice Gira in Città.
ore 18
Io sono qui – Piazza Caduti per la libertà. Performance del gruppo di danza dell’istituto Alberghetti di Imola.
Ore 18.15
Nella tana – Galleria 58, vicolo Troni. Performance di teatro danza a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta.
ore 19 Cena con gli artisti
– Bar Ai Giardini. Cena menù fisso 12 euro con gli artisti dell’Opening Party e con lo staff del Festival. Prenotazione obbligatoria al numero 331 7317093 entro giovedì 23 marzo ore 13.
ore 21 Opening Party – Bar Ai Giardini e Giardini di S. Domenico. Una serata con la musica live di alcune giovani band: Rams Rams, Twosteps, Karamazov, Elene, Wasaber, Rastavibe. Momenti performativi a cura di Quintoveda e Compagnia Alice gira in città. Dj set fino a tarda notte con PeGal.

Domenica 26 marzo
ore 17 – 18.30 Equilibri e stati precari delle cose – Arti circensi e giocoleria in galleria con Le Fucine Vulcaniche – Galleria del centro cittadino. In collaborazione con Barcode.
Ore 18.30 Scintille nel limbo
– Quintoveda. Fluo Party, Aperitivo e Djset con Dinosaurs and I

Lunedì 27 marzo
ore 10-20, Giornata internazionale del Teatro: tantissime performance teatrali , incursioni improvvise, invaderanno il centro storico di Imola nel pomeriggio della giornata internazionale del teatro. Tra attori, allievi e esiti di laboratori, lo staff di Quintoveda e molti altri soci di Panta rei riempiranno gli spazi cittadini di nuovi corpi e contenuti.

Martedì 28 marzo
ore 21 Bakaw 4ET – Concerto jazz – Quintoveda, via Cavour 58. Giacomo Casadio- sax, Fabio Mazzini – chitarra, Francesco Ottaviano – Contrabbasso, Marco fenati – batteria

Mercoledì 29 marzo
ore 20.30 Gruppo di lettura Quarta di copertina – Quintoveda. Serata tra libri, drink e stuzzicheria.

Giovedì 30 marzo
ore 21 Coro Attosecondo – Quintoveda

Venerdì 31 marzo
ore 18 Anatomia dell’Inquietudine. Divagazioni filosofiche in compagnia di Chatwin e Dante. L’inquietudine si rivela essere uno stato d’animo sempre più diffuso nelle società contemporanee. Durante l’incontro si cercherà di muoversi a ritroso nella storia del pensiero per sondare quanto essa sia costitutiva della stessa condizione umana e quali siano le sue relazioni con l’antitesi tanto spesso invocata, la quiete. Pietre miliari dell’itinerario saranno gli scritti di Bruce Chatwin e Dante Alighieri. A cura del filosofo Gianmaria Beccari
ore 20 Improvvisazioni lunari
Giardini di S. Domenico. Improvvisazioni di danza e movimento a cura della Compagnia Alice Gira in Città. il movimento più urbano e contemporaneo si nutre delle contaminazioni con la musica di Chopin
ore 21, Giovanni Marinelli in concerto
Quintoveda. Presentazione del nuovo album Il Velo di Maya. Con: Giovanni Marinelli – voce, chitarra – Max Scarcia – chitarra – Tiziano De Siati – basso – Max Messina – batteria.
Giovanni Marinelli, artista noto all’interno del panorama musicale indipendente italiano per le sue collaborazioni e opening live prestigiose (Omar Pedrini, Federico Poggipollini, Blastema, Ignazio Orlando…) e per l’album “Oniria” (2013) che ha spopolato nelle classifiche radiofoniche indipendenti, torna sulla scena con il suo nuovo attesissimo lavoro: “Il Velo di Maya”.
Il suo singolo d’anteprima “Aspettando Qualcuno” ha già ottenuto uno straordinario successo in radio e ha suscitato la curiosità del pubblico. Con la produzione artistica di Carmelo Pipitone dei Marta sui Tubi e il masteringeseguito da Marc Urselli all’East Sound Studio di New York, è disponibile su iTunes Il Velo di Maya, terzo album solista di Giovanni Marinelli pronto a segnare la svolta artistica del cantautore verso un sound spiccatamente indie.
Il Velo di Maya è un album dalle tematiche complesse, intime: un mix di suoni moderni in grado di produrre atmosfere sonore incisive e dinamiche. L’indie rock la fa da padrone ma non mancano spunti ad armonie orientali e accenti di elettronica. Si potrebbe definire un viaggio interiore, specchio della personalità di un artista vissuto che affida alle sue canzoni il compito di raccontare se stesso e la realtà che lo circonda.

Sabato 1 aprile
ore 17-18.30, 2 Steps in concerto – All the best musica shop, via Mazzini 15
ore 17.30 – Overlay
– Galleria d’arte Contemporanea Il Pomo Da Damo, via XX settembre 27, performance di danza contemporanea a cura di Eleonora Vacca, danzatrice e insegnante di danza classica.
ore 18, San Domenico – Coro Attosecondo in concerto
. Performance del coro polifonico bolognese diretto dal maestro Marco Belluzzi.
Attosecondo si è costituito nel 1997 e riunisce una ventina di musicisti e cantanti accomunati dall’entusiasmo e dalla passione per la coralità, che si alternano nei diversi ruoli di coristi, solisti, strumentisti, arrangiatori e tecnici dando vita ad uno spettacolo che esprime una vera e propria coralità d’insieme.
Il gruppo ha inizialmente esplorato i canti della tradizione nera afro-americana, frequentemente personalizzati con propri arrangiamenti, e successivamente ha intrapreso altre strade musicali avvicinandosi al ‘900 storico e contemporaneo, alla musica popolare e pop. Questo ha permesso di sperimentare sonorità più vicine al gruppo sia culturalmente che anagraficamente.
ore 19.30, San Domenico – Inquietudo Project. Trilogia sull’Oggi.
Progetto coreografico e di regia collettiva a cura di Samanta Sonsini e Compagnia Alice gira in città
Nato nel settembre 2015 sperimentando il lavoro con gruppi diversi di persone più o meno ampi, questo progetto è nato in una prima fase per indagare le inquietudini dell’uomo di oggi coinvolgendo persone di tutte le età e raccogliendo le loro esperienze, utilizzando le loro emozioni per produrre i testi dello spettacolo, facendo del momento laboratoriale un vero e proprio momento di ricerca.
Dopo quest’ampia raccolta di materiali , non solo scritti, ma anche di movimento, le tre tappe del progetto Inquietudo, della durata di 30 minuti ciascuna, sono diventati tre momenti di spettacolo indipendenti ma strettamente connessi.
A un anno di distanza, la Compagnia Alice gira in città vuole fare di questi materiali, in particolar modo di quelli più significativi, un unico spettacolo che racconti l’essere umano di oggi sulle musiche dell’imolese Giovanni Dal Monte.
Al seguente link il video promo del progetto

Laboratori

Sabato 25 marzo (ore 15-17) e domenica 26 marzo (ore 11-13) a Quintoveda (Via Cavour 58) si svolgerà Frammenti, laboratorio teatrale festival EYT finalizzato a incursioni urbane nel centro storico di Imola per la Giornata Internazionale del teatro lunedì 27 marzo, dalle ore 17 alle ore 20.
Partendo da suggestioni del Libro dell’Inquietudine di Pessoa si verranno a creare Frammenti teatrali legati appunto al tema del festival #inquietudinicontemporanee. Tra ironia, parole e movimento si creerà, il 27 marzo, una curiosa spedizione teatrale per la città che inizierà l’invasione di negozio, locali, piazze e strade per celebrare la giornata mondiale del teatro. Il laboratorio è adatto a tutti, non è necessario avere esperienze precedenti in ambito teatrale.
Costo del laboratorio 5 euro più tessera ARCI/PANTA REI 4 euro per chi non la possiede già.
Docente: Samanta Sonsini.

Infine, dal 31 marzo al 28 aprile, ore 17-18, Zeta Lab / Hip Hop e danza urbana, da 6 a 10 anni.
Un percorso divertente e pieno di energia che andrà a contaminare l’hip hop con la danza urbana ovviamente a misura di bambino. Si lavorerà insieme sulle musiche, i movimenti e gli spazi per preparare una performance finale per il 29 aprile Giornata internazionale della danza. Docente: Samanta Sonsini. Info e iscrizioni:
info@quintoveda.com, sms 3891977257

Enjoy Your Town 2017 – Inquietudini contemporanee

La 3° edizione di Enjoy Your Town, Festival di arti performative è in programma dal 25 marzo al 29 aprile 2017. Si svolgerà come gli anni precedenti nelle aree urbane del centro storico di Imola nel mese che intercorre tra la giornata internazionale del teatro (27 marzo) e la giornata internazionale della danza (29 aprile). Tra le principali novità di quest’anno un tema specifico che farà da filo conduttore a tutte le performance: Inquietudini contemporanee.
Declinate in tutte le accezioni possibili, le inquietudini diventano il motore che dà vita al festival, alle performance, ai concerti, ai testi scritti e letti. Il programma, sempre più ampio e inclusivo, vedrà l’invasione anche di alcuni luoghi privati, gentilmente messi a disposizione dai cittadini per farli diventare perfette location di performance o eventi. Rispetto agli scorsi anni ci saranno molti momenti di riflessione, conferenze e incontri tenuti da esperti sul tema dell’inquietudine che affiancheranno alcune performance. Tanti i laboratori e i workshop che si terranno a Quintoveda, sia fra settimana sia in forma intensiva nel week end.
Enjoy Your Town è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola, con il supporto di tantissime attività commerciali e non della città. Alcuni eventi arriveranno anche nel circondario: è prevista infatti una rassegna di quattro spettacoli alla sala polivalente di Borgo Tossignano.
L’obiettivo del festival è proporre tanti momenti di riflessione su una tematica che oggi è veramente all’ordine del giorno, che riguarda tutti noi, nelle nostre incertezze e fragilità. Non riguarda solo le fasce di popolazione più precarie, riguarda tutti, e riflettere non solo sui lati negativi di questo concetto ma anche e soprattutto sulle declinazioni positive che vedono l’inquietudine come quella crisi che poi porta alla rinascita in una nuova forma, che porta il cambiamento, che porta nuove opportunità e possibilità ci sembrava fondamentale per raccontare attraverso le arti performative il mondo di oggi.
Per cinque week end e i tanti giorni che vi stanno in mezzo Imola sarà invasa da spettacoli, performance e iniziative per tutte le età, coinvolgendo dai bambini più piccoli, agli adulti, alla terza età. Un’invasione di idee, colori riflessioni che dall’oscuro grigio dell’inquietudine si aprono verso le tonalità più disparate.
Per coinvolgere le nuove generazioni saranno anche attivati concorsi delle varie discipline artistiche in modo tale da renderli parte attiva, da dare voce a quell’inquietudine che loro, prima di tutti, hanno dentro.

È stata attivata anche una campagna di crowdfounding su Eppela per supportare il festival che è autofinanziato.
Al seguente link è possibile vedere il video promozionale del festival

Tra i numerosi eventi in calendario (che si possono consultare nel dettaglio al sito http://eyt.imola.city/) ricordiamo in particolare:
Opening Party – Sabato 25 marzo, ore 21, Bar Ai Giardini e Giardini di S. Domenico. Serata di Inaugurazione del Festival. Musica live con quattro giovani band: Antico Lunario Imolese, Rastavibe, Prisma e CZ. Momenti performativi a cura di Quintoveda e Compagnia Alice gira in città. Dj set fino a tarda notte con PeGal.
Giornata internazionale del Teatro – Lunedì 27 marzo, ore 10-20. Tantissime performance teatrali , incursioni improvvise, invaderanno il centro storico di Imola nel pomeriggio della giornata internazionale del teatro.
Giovanni Marinelli in concerto – Venerdì 31 marzo, ore 21, Quintoveda: presentazione del nuovo album Il Velo di Maya. Con: Giovanni Marinelli – voce, chitarra – Max Scarcia – chitarra – Tiziano De Siati – basso – Max Messina – batteria.
Coro Attosecondo in concerto – Sabato 1 aprile ore 18. Performance del coro polifonico bolognese diretto dal maestro Marco Belluzzi.
Inquietudo Project – Sabato 1 aprile ore 21. Trilogia sull’Oggi. Progetto coreografico e di regia collettiva a cura di Samanta Sonsini e Compagnia Alice gira in città
Inquietudini nordiche – Sabato 8 aprile ore 16-19, Quintoveda. Workshop di approfondimento sulla cultura scandinava a cura della Dott.ssa Carla Casazza.
Impronte nella nebbia – Sabato 22 aprile, ore 21. Quadri fragili dell’incertezza. A cura della Compagnia Alice Gira in Città
The H8FUL Tarantino Tribute Band in concerto – Domenica 23 aprile
Giornata internazionale della danza – Sabato 29 Aprile
Le piazze e le strade del centro storico vedranno numerosi gruppi e assoli  di danza, di tutti i generi, di Imola e non solo, che animeranno in contemporanea gli spazi della città.
Anatomia dell’inquietudine – Divagazioni filosofiche in compagnia di Chatwin e Dante, a cura del Dott. Gianmaria Beccari.
Michela Rosa (danzatrice, Roma) – Alzarsi – studio sulla caduta,il recupero della verticalità e loro declinazioni performance di danza contemporanea e di ricerca
L’oggi informe / Omaggio a Zygmunt Bauman a cura di Samanta Sonsini e Federico Bandini
Tra teoria, momenti performativi e società liquida
Rassegna MindFactory / Borgo Tossignano – Sala Polivalente di Borgo Tossignano – venerdì 7-14-21-28 aprile ore 21
Una rassegna di quattro spettacoli teatrali, alcuni di professionisti, alcuni frutto dei laboratori attivati a Gennaio alla sala polivalente di Borgo Tossignano. Filo conduttore del lavoro dei gruppi teatrali e degli artisti ospiti il Viaggio come percorso fisico nello spazio ma anche come sperimentazione del tempo e come conoscenza di sé.
Gli indifferenti / racconto teatrale di una staffetta partigiana  a cura della Compagnia Alice Gira in città
Forme e contorni di una paura informe / 4 Assoli di teatro danza sull’inquietudine del cambiamento e la paura dell’altro.
Wanted 1° maggio live talent tour
Quintoveda partecipa alla rete di live nata da Toast Record e Audiocoop per promuovere attorno all’evento del 1° maggio di Torino il sempre più vivo underground musicale italiano, ospitando la serata finale che decreterà, di fronte ad una giuria di esperti, la band vincitrice che parteciperà alla kermesse torinese il 1° maggio  nello storico locale Hiroshima mon amour.
Io sono ovunque performance di Danza Contemporanea e Musica Elettronica con  Samanta Sonsini e Pè.Gal
Scritture Boreali, reading dedicato agli scrittori scandinavi contemporanei. Tra suggestioni paesaggistiche e musicali, sarà un viaggio nell’anima nordica. L’evento è realizzato da Carla Casazza in collaborazione con Quintoveda e Compagnia Alice Gira in Città.
Coni d’ombra: Fluttuano fra cielo e terra a cura di gruppo di scrittura Ippogrifo

Quintoveda: la stagione 2016-2017

Tante novità e uno staff rinnovato promettono un calendario di eventi denso e variegato che conferma Quintoveda (Via Cavour 58, Imola), lo spazio gestito dall’Associazione Panta Rei, come un punto di riferimento per l’arte e la creatività nel territorio imolese.
La prima novità è che il teatro underground di Quintoveda sarà aperto
tutti i giorni dalle ore 19 per i soci che potranno usufruire del punto bar e ristoro per un aperitivo o una cena informale prima o durante gli eventi in programma.

Continue reading “Quintoveda: la stagione 2016-2017”

Writing underground: corso di scrittura e lettura conviviale a Quintoveda

Prosegue la nostra collaborazione con Quintoveda (Via Cavour 58) il locale di Imola gestito da Panta Rei, associazione di liberazione delle arti. Vi parleremo presto, prestissimo, dell’interessante e ricco programma della stagione 2016-2017, ma intanto anticipiamo le informazioni su Writng underground, il corso di scrittura e lettura conviviale che la nostra editor e scrittrice Carla Casazza terrà a Quintoveda a partire dal 6 ottobre (ore 19-21).
Durante la prima lezione – che sarà gratuita – Carla spiegherà anche nel dettaglio come si articolerà il corso che si suddivide in tre moduli:
– Scrivere per raccontare, corso di scrittura narrativa
– Scrivere per comunicare, corso di scrittura argomentativa
– Leggere rende liberi, corso per lettori consapevoli.
È possibile iscriversi a un solo modulo per volta, oppure scegliere il “pacchetto” completo. In questo caso sarà applicato lo sconto di 40 euro sulla quota complessiva.

I moduli nel dettaglio

Scrivere per raccontare, corso di scrittura narrativa (13, 20, 27 ottobre e 3 novembre ore 19-21)
Come scrivere un racconto o un romanzo, partendo da una idea e sviluppando la narrazione per arrivare al manoscritto finale.

Il modulo, articolato in quattro lezioni, ti insegnerà a scrivere un racconto o romanzo partendo da una prima idea anche molto schematica di storia e sviluppando la narrazione, fino a una prima stesura del testo e poi al manoscritto definitivo. Nel corso delle lezioni saranno affrontati i seguenti argomenti:
– L’idea per una storia: come trovarla e trasformarla in un progetto di scrittura
– Cosa fare prima di iniziare a scrivere: schemi, soggetti, e altri suggerimenti
– Come strutturare il testo
– Scegliere il genere letterario, la forma narrativa, la voce narrante
– Dare vita ai personaggi
– Tempi e luoghi: il contesto della storia
– I dialoghi
– La revisione del testo
– Editing e correzione di bozze
Sono previste esercitazioni pratiche durante le ore di lezione e a casa.

Costo del modulo 100 euro+ TESSERA PANTA REI 4 euro (per chi non è già in possesso della tessera Arci 2016).
All’atto dell’iscrizione è richiesto il versamento di una caparra di 30 euro. Il resto del corso va pagato direttamente durante la prima lezione del modulo.

———-

Scrivere per comunicare, corso di scrittura argomentativa (10, 17, 24 novembre ore 19-21)
Come scrivere un saggio, una relazione, una lettera, un comunicato e qualsiasi testo che vogliamo risulti efficace e corretto

Il modulo, articolato in tre lezioni, ti insegnerà a scrivere un testo (saggio, relazione, lettera, comunicato stampa, ecc.) corretto, efficace, circostanziato, e migliorare le tue capacità di scrittura in generale. Nel corso delle lezioni saranno affrontati i seguenti argomenti:
– Cosa fare prima di iniziare a scrivere: schemi e altri suggerimenti
– Come strutturare il testo
– Le regole della scrittura argomentativa: come scrivere un saggio, una relazione, una lettera, un comunicato, ecc.
– La revisione del testo
– Grammatica e ortografia
– Editing e correzione di bozze
Sono previste esercitazioni pratiche durante le ore di lezione e a casa.

Costo del modulo 80 euro+ TESSERA PANTA REI 4 euro (per chi non è già in possesso della tessera Arci 2016).
All’atto dell’iscrizione è richiesto il versamento di una caparra di 30 euro. Il resto del corso va pagato direttamente durante la prima lezione del modulo.

———-

Leggere rende liberi, corso per lettori consapevoli (12, 19, 26 gennaio e 2 febbraio ore 19-21)
Quattro lezioni per migliorare (o approfondire) il proprio rapporto con i libri e la lettura

Sei un lettore instancabile alla ricerca di nuovi stimoli?
Vorresti leggere ma non trovi niente che ti spinge ad andare oltre la seconda pagina del libro?
Ti piacerebbe arricchire la tua cultura letteraria ma non sai da che parte iniziare?
Vuoi condividere la tua passione per la lettura con altre persone?
Durante le quattro lezioni del modulo potrai migliorare o approfondire il tuo rapporto con i libri, scoprire aspetti inediti della lettura, ampliare le tue conoscenze letterarie, trovare spunti e idee o riscoprire la voglia di leggere.
Nel corso delle lezioni si parlerà di:
– Come e perché leggere
– Libri cartacei ed ebook
– I gruppi di lettura
– I social network letterari
– Diritti del lettore
– Slow Reading Manifesto
– Lettura e traduzione
– Lettura terapeutica
– Bibliografie e consigli per percorsi di lettura tematici.

Costo del modulo 80 euro+ TESSERA PANTA REI 4 euro (per chi non è già in possesso della tessera Arci 2016).
All’atto dell’iscrizione è richiesto il versamento di una caparra di 30 euro. Il resto del corso va pagato direttamente durante la prima lezione del modulo.

Sei ti iscrivi subito a tutti e tre i moduli avrai uno sconto di 40 euro: pagherai 220 euro invece di 260.

Per informazioni e iscrizioni cartaecalamaio@gmail.com

Enjoy Your Town a Imola dal 26 marzo al 30 aprile

EytLa seconda edizione del festival di arti performative Enjoy Your Town si svolgerà dal 26 marzo al 30 aprile 2016 nel centro storico di Imola.
La data scelta non è casuale ma si tratta del mese che intercorre tra la giornata internazionale del teatro (27 marzo) e la giornata internazionale della danza (29 aprile). Tra le novità di quest’anno, il fatto che gli eventi saranno ospitati anche in aree private (case, giardini interni…), una sezione dedicata alle arti terapie e la vetrina per gli emergenti nell’ambito di danza, teatro arte di strada e circense.
Il festival è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola.
L’obiettivo del festival è proporre una vera e propria epidemia culturale all’interno della città. Arti performative che si insinuano tra la gente e nei luoghi che essa frequenta. Una invasione non solo nei luoghi tradizionalmente preposti alla cultura, ma anche, e soprattutto nei suoi non luoghi, affinché le persone possano incontrare casualmente arte e cultura e se ne possono appassionare. Dove, ancora più casualmente, può iniziare il percorso culturale di qualcuno, dove si può sviluppare un principio di cittadinanza, di appartenenza e condivisione rispetto ad uno spazio.
Un’idea di città che diventa comunità, che condivide e cresce.

Tra gli oltre 100 eventi in calendario, che si possono consultare nel dettaglio al sito del festival, performance teatrali e di danza, workshop, presentazioni di libri, letture per bambini e per adulti e tanto, tanto altro.

Ricordiamo in particolare:
Circopuntino sabato 30 aprile ore 21
Gregor e Katjusha rievocano il circo di una volta, quello di acrobati e saltimbanchi, in un clima molto coinvolgente e retrò.
Lo spettacolo mischia manipolazione e danza acrobatica con le scope, peripezie sulla ruota tedesca ed equilibrismi sulla giraffa con tre ruote.
È uno spettacolo di strada dai risvolti poetici e onirici, ma che non rinuncia a divertire con un finale infuocato coinvolgente.

Workshop di burlesque con Dee Amante (16 e 17 aprile ore 15-17-Quintoveda)
Per il piacere di piacersi. Unendo eleganza, ironia e seduzione; per stuzzicare la fantasia (in inglese “teasing”). Mettendo al bando ogni forma di volgarità.
La domenica, dopo il workshop, il burlesque entrerà in libreria con il Reading di letteratura erotica e spettacolo di burlesque (17 aprile ore 19.30- Libreria Mondadori).

Presentazione del libro Veduta di pianura con dame di Muriel Pavoni (12 aprile ore 21- Quintoveda)
Racconti liberamente ispirati alle vite di dieci donne partigiane che dal 1800 hanno contribuito alla storia del nostro Paese in qualità di attiviste (come Giuseppina Cattani, Maria Goia, Maria Luisa Minguzzi), staffette (come Ida Camanzi, Maria Margotti, Benilde Verlicchi), artiste che non declinarono al loro ruolo di fare la resistenza (come Cordula Poletti e Sonia Micela) o, ancora, maestre (come Maria Maltoni e Giovanna Righini Ricci). Vicende geograficamente collocate in Romagna.

Workshop teatrale con Matteo Belli (2 aprile ore 14-20.30, 3 aprile ore 9-15.30 – Quintoveda)
Un seminario aperto a chiunque voglia esercitare e migliorare la voce parlata e approfondirne alcune caratteristiche comunicative ed espressive, sia per ragioni di salute fisiologica, sia per accrescere le capacità individuali di utilizzo performativo.

Workshop Africa Dentro con Francesca Saloni (9 aprile ore 10.30-12.30, 10 aprile ore 14-16 – Quintoveda)
Un dialogo denso di energia tra il proprio corpo e la poliritmia dei tamburi, a cura di Francesca Saloni. Il workshop sarà tenuto con le percussioni dal vivo, a cura di Stefano Fabbri e Mauro Casadio. Al termine del workshop il gruppo di danza proseguirà assieme ai partecipanti con una parata danzante nel centro storico di Imola.

Workshop di Danza ButohCollettivo K e La Sangria Discreta (16 e 17 aprile dalle 14:00 alle 18:00-Quintoveda) e Spettacolo di danza Butoh sabato 16 aprile ore 21 piazza dell’Ulivo.
La danza butoh è una danza contemporanea originaria del Giappone, ma che è connessa a danze e rituali antichi che si possono ritrovare ovunque anche dentro di sé. Una danza di trasformazione, metamorfosi, che permette al corpo fisico di rispondere a ciò che lo circonda, trascendendo le convenzioni.

Workshop di Teatro comico con Massimiliano Buldrini e Paula Noelia Cianfagna (sabato 23 e domenica 24 aprile – Quintoveda)
Attraverso giochi, esercizi e un po’ di storia si esploreranno le caratteristiche di base comuni e le differenze che nell’arco di secoli e decenni hanno fatto distinguere per esempio la maschera di commedia dell’arte dal clown, il teatro di rivista dal cabaret e tanti altri.

La Fucina Incantata sabato 23 aprile ore 21 Giardini di S. Domenico a cura di Le Fucine Vulcaniche.
Spettacolo di arte di strada ispirato al tema degli alberi e alla loro connessione con la vita.
Delle letture suggestive accompagneranno il pubblico in un viaggio visivo e sonoro attraverso perfomance di circo contemporaneo e musica. In scena, 14/16 elementi: teatro delle ombre, tessuti aerei, trapezio, funamboli, trampolieri e musicisti.

L’anima perpetuamente in tempesta (29 marzo ore 21 – Quintoveda)
A cura e con compagnia Broken Dolls.
Un percorso introspettivo all’interno della vita di Amy Winehouse: ne verranno sottolineati il carattere, le debolezze, le dipendenze e la carriera della cantante.
Tre fasi importanti del suo percorso si intrecceranno tra di loro creando nello spettatore una discesa nell’anima dell’artista e di ciò che l’ha resa tale: dalla bulimia, il rapporto con la musica, la famiglia e la sua fame d’amore.
Fino alla decadenza del mito, a soli 27 anni, a seguito di una vita di abusi emotivi e fisici.
Un viaggio attraverso un’anima fragile, inconscia di tutta la bellezza che ci ha lasciato e che per l’ennesima volta va a toccare il come i rapporti che ci portiamo dietro fin dall’infanzia e dall’adolescenza possano formare il carattere adulto e le debolezze.
Lo spettacolo sarà interpretato da tre artiste donne, che si alterneranno e si uniranno sul palco mescolando arti come la danza, la musica (cantata e suonata), il teatro e la scrittura.

Blog su WordPress.com.

Su ↑