ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaDopo la pubblicazione di diversi articoli del progetto mini-guide per scrittori esordienti pare opportuno precisare meglio cosa abbia ispirato e dato origine a questa iniziativa, in maniera tale da chiarirne le motivazioni di fondo.

Nell’ottobre dello scorso anno, chiacchierando con Carla Casazza dell’agenzia letteraria Carta & Calamaio, venne fuori la seguente frase: “Guarda, tu non hai idea di quanti aspiranti scrittori ci siano in Italia e quanti di loro, non conoscendo come funzionano le cose, corrano il rischio di farsi fregare.”

Partendo da questa frase prese il via un racconto pieno di aneddoti, situazioni intricate, malintesi, contratti poco chiari e tutta una serie di altre situazioni, che ben presto deviò verso le caratteristiche che un lavoro di consulenza riguardante il mondo letterario dovrebbe avere secondo la sua agenzia.

Sempre più spesso accade di persone che si rivolgono alla sua persona per richiedere una consulenza dopo aver vissuto un’esperienza personale…

View original post 1.009 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaLa competizione che uno scrittore esordiente deve affrontare è spietata, le probabilità a suo favore scarsissime e il viaggio che deve affrontare irto di difficoltà.

Ciò va detto non per scoraggiare i volonterosi ed onesti scrittori pieni di sogni, ma per fornire un quadro realistico del mondo che si presenta agli occhi dell’autore di un primo manoscritto.

L’autore che si concentra sulle cose davvero importanti, in primis la qualità della sua scrittura, avrà la meglio su quello che spreca il suo tempo cercando di fare colpo con una lettera di presentazione brillante o che ha fretta di spedire vagonate di manoscritti ancora acerbi o punta tutto su strampalate idee di marketing.

Gli editor sono alla ricerca di autori che si dedichino con impegno al proprio lavoro, che siano professionali e cullino aspettative ottimistiche ma ragionevoli.

View original post 212 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaEsistono diversi modi per pubblicare ed esistono diversi tipi di pubblicazioni; possono essere differenziate e suddivise in varie categorie a seconda delle specifiche tecniche e/o dell’eventuale contributo richiesto. Noi le abbiamo raggruppate in quattro macro categorie:

1 – Tradizionale senza contributo

Grandi case editrici che possono anche dare un anticipo

Piccole case editrici che solitamente non danno anticipi

2 –  Tradizionale con contributo

Prerogativa delle piccole e medie case editrici che ha preso piede negli ultimi tempi.

Serve esclusivamente per ridurre in parte il rischio di impresa per l’editore che chiede all’autore di partecipare in minima parte alle spese.

Normalmente il contributo richiesto all’autore consiste nell’acquisto a prezzo scontato di una quota di copie del libro.

Si tratta di un numero che in ogni caso deve rimanere nell’ordine delle cento o duecento copie.

View original post 289 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaCome già accennato in una mini guida precedente, esistono diverse modalità per l’auto-pubblicazione in formato ebook.

Quello che sta prendendo piede con il nome di self-publishing ha come sbocco numerose soluzioni, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

In questa nuova mini guida dedicata al numeroso popolo degli scrittori esordienti che cercano di districarsi nei meandri del mondo editoriale,  cerchiamo di esaminare due dei distributori principali, vale a dire Amazon e Narcissus,  mettendo in evidenza quali sono i punti in comune e quali le differenze sostanziali.

La prima differenza, viene da dire decisamente sostanziale, sta nel tipo di selezione delle cose da pubblicare.

Amazon non fa distinzioni tra un’opera e l’altra pertanto sulla sua piattaforma è possibile trovare di tutto, dalle cose veramente belle e valide, alle cose più orribili; inoltre i contenuti non sono controllati e ciò può portare a libri con contenuti non attendibili oppure come in casi realmente…

View original post 343 altre parole

ERRANT EDITIONS SMALL DIGITAL PUBLISHER

ARTELITTERA LOGO  Ci siamo incontrati alla Fiera del libro di Francoforte e abbiamo capito di avere visioni simili, vicinanze, in particolare la voglia di varcare confini, di aprirci a tutte le lingue e allargare lo sguardo, senza dimenticare mai le forti radici. Errant Editions è sulla piattaforma di Artelittera, nuovissima e molto bella, e comincia ad “esserci” con Borges aveva un tumblr di Angelo Ricci. Presto ci sarà anche con altri testi  e siamo davvero molto contenti di questa collaborazione. Sulla piattaforma si possono “assaggiare” capitoli dei libri ( ed è una proposta per editori cartacei e digitali), e poi decidere o meno di acquistarli.  La piattaforma di Artelittera è molto attenta all’arte, alla storia, e ha una nicchia specifica di destinatari di testi accademici e specializzati e di saggi raffinati e molto interessanti, ma vuole ampliare sempre con accurata selezione anche verso testi di altro tipo, e verso…

View original post 263 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaPer pubblicare in formato ebook esistono due possibilità: o ci si rivolge ad un editore digitale oppure si procede in maniera autonoma e ci si produce l’ebook da soli.

Nel primo caso il modus operandi è sostanzialmente lo stesso del libro cartaceo e cioè si comincia con  l’invio di un manoscritto alle varie case editrici che pubblicano solo o anche in formato digitale, per poi attraversare tutte le tappe che portano alla pubblicazione classica.

Il vantaggio non da poco consiste nella differenza dell’investimento iniziale che l’editore deve affrontare se crede nell’autore del manoscritto, investimento che nel caso di edizione in formato digitale è decisamente minimo rispetto al formato cartaceo, cosa che potrebbe dunque agevolare una eventuale pubblicazione, anche se normalmente chi lavora in entrambi i formati tutto sommato non ha ancora diversificato molto le cose tra uno e l’altro.

Alcune case editrici anche grandi stanno cominciando a gestire il cartaceo…

View original post 335 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaIl codice ISBN è quel codice che identifica in maniera univoca ogni qualsiasi edizione di un libro.

Il costo reale che una casa editrice deve sostenere per assegnare un codice ISBN ad un libro che intende pubblicare è dell’ordine di poche decine di euro a edizione, ragion per cui non esiste una vera giustificazione economica per avere tariffe differenti tra un’edizione con ISBN e una senza.

Diciamo piuttosto che solamente le vere case editrici sono in grado di ottenere i codici ISBN e quindi alcune piccole realtà, pur pubblicando libri a livello locale, potrebbero semplicemente non essere in grado di richiedere codici ISBN in quanto soggetti più vicini all’ambiente tipografico che alle case editrici a tutti gli effetti.

Per un autore che intendesse distribuire il proprio libro espressamente a livello locale, la presenza o meno del codice ISBN potrebbe anche non essere determinante.

Dopo tutto, se la distribuzione avviene prevalente…

View original post 288 altre parole

ERRANT EDITIONS SMALL DIGITAL PUBLISHER

Racconti che si incrociano in un flusso infinito. Ecosistemi narrativi e narranti che riproducono incessantemente quel desiderio di storie che l’umanità da sempre porta in sé.
Secoli sembrano passati dalla rivoluzione cyberpunk che, agli albori del web, celebrava l’autoriprodursi della realtà virtuale.
Millenni sono invece realmente trascorsi dal giorno in cui, per la prima volta, un homo sapiens (o addirittura un uomo di Neanderthal, tanto per condividere ancora una volta le visionarie ossessioni di Philip Dick), nel buio di una grotta, tracciava sulle pareti umide i disegni di una battuta di caccia.
E se, come scrisse E.M. Forster in Aspetti del romanzo, proprio quel giorno segnò l’inizio del raccontare umano, così oggi, passata anche la visione profetica, ma venata da eccesivo pessimismo, del cyberpunk, ecco che possiamo iniziare ad osservare il punto d’arrivo (che, sempre e comunque, è anche un punto di partenza) di quella insopprimibile esigenza umana del raccontare…

View original post 701 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaNon tutte le case editrici accettano manoscritti, non tutte le case editrici rispondono dopo aver letto un manoscritto, non tutte le case editrici trattano gli stessi generi.

In altre parole ogni casa editrice è un mondo a parte con le proprie regole, le proprie attività, le proprie abitudini ed anche perché no, le proprie esigenze.

Pertanto evitare di sprecare tempo e denaro con inutili invii a tappeto di buste, lettere e mail. Sarebbe inutile e controproducente: si rischia di buttare via l’occasione buona oltre che portare probabilmente ad un accumulo di frustrazione.

Come prima cosa è necessario fare un lavoro di selezione passando in rassegna i siti delle case editrici per vedere quali sono quelle interessate al genere che si pensa di proporre.

E’ completamente inutile inviare il manoscritto ad esempio di un giallo-storico ad una casa editrice specializzata in libri di gastronomia, turismo o fantasy.

Una volta individuate le…

View original post 320 altre parole

Il ruolo delle’agente letterario come lo vediamo noi di Carta e Calamaio. E non c’è presentazione migliore al piccolo ebook uscito con Errant Editions delle parole di Angelo Ricci e Francesca Mazuccato.

ERRANT EDITIONS SMALL DIGITAL PUBLISHER

COVER AGENTE NEW DEF

Mutazioni che dal web si riverberano ormai da tempo nell’editoria attraverso un feedback infinito. Editoria digitale, ebook, self publishing, social network, litblog e scritture condivise sono le nuove frontiere della narrazione. Editori, scrittori e tutte le altre figure della filiera editoriale devono affrontare queste sfide in modo professionale.

Angelo Ricci

Carla Casazza, titolare dell’agenzia letteraria Carta e calamaio racconta in questa nuova uscita dei Social Media Landscapes di Errant Editions il nuovo ruolo dell’agente letterario. Un agente letterario 3.0 appunto, che deve sapere fondere l’antica sapienza di un Erich Linder, il primo agente letterario italiano, con le posizioni innovative di un Andrew Wylie, che ha saputo sfidare i colossi dell’editoria americana.

Un’idea geniale e pericolosa  e una sfida che ci affascina e ci cattura, quella di aver affidato la cura dei Social Media Landscapes ad Angelo Ricci. E non solo per il successo che hanno ottenuto e stanno ottenendo…

View original post 186 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scrittura

Riuscire a farsi leggere è uno degli obiettivi più difficili da raggiungere e sarebbe un peccato scivolare su cose di poco conto.

Ricordare sempre che il primo passo e la vostra prima vittoria consistono nel riuscire a fare in modo che il vostro operato venga effettivamente preso in considerazione per la lettura.

La lettura non va mai data per scontata, anzi arrivare a quel punto è un grosso risultato: solo da quel momento in poi infatti ciò che avete scritto comincia a contare; prima può essere anche il libro del secolo, ma nessuno può saperlo.

Non sottovalutare mai l’importanza di questo passaggio.

Tenere sempre presente che chi riceverà il vostro manoscritto è qualcuno che sta lavorando e che probabilmente, oltre ad averne viste di cotte e di crude, è alla ricerca di qualcosa di interessante, per cui il consiglio più importante che possiamo dare è questo:

non cercate di essere…

View original post 351 altre parole

ENTUSIASMI...repressi e non...

scritturaNella realtà italiana la scrittura è uno dei settori dove non si vede ombra di crisi.

Frequentando blog, social network e fiere varie è possibile constatare come il movimento letterario sia sempre in costante fermento, in particolar modo per quanto riguarda la scrittura.

Dire che ci sono più scrittori che lettori suona certamente come un paradosso, ma resta il fatto che iniziative legate a questo settore sono sempre più presenti.

I corsi di scrittura creativa o narrativa sono frequentati da moltissime persone e sono sempre di più gli autori che hanno fatto di queste iniziative una parte del proprio lavoro.

I concorsi di scrittura per racconti si moltiplicano e oramai in ogni provincia è possibile partecipare ad eventi letterari.

Che tale movimento stia attraversando un periodo di grande crescita lo dimostra il fatto che su diversi quotidiani, oltre che sulle riviste specializzate, stanno comparendo annunci pubblicitari che reclamizzano la possibilità…

View original post 503 altre parole

ScribaFestival

Il 16 17 e 18 Novembre ci sarà la prima edizione di Scriba Festival, il primo festival dedicato alle scritture di Mestiere.

Unico nel suo genere, Scriba Festival mira ad attirare l’attenzione sulle scritture di mestiere in genere creando un momento di riflessione sui diversi linguaggi specialistici, che sono una ricchezza letteraria e non una rovina da abbattere con l’appiattimento del linguaggio.

Dalla sceneggiatura di un film o di una fiction tv, ai testi di una canzone o di uno spettacolo teatrale, passando per i bugiardini dei medicinali e le metafore di un discorso politico. Sarà dedicata alle scritture di mestiere la prima edizione di Scriba Festival, la kermesse organizzata dal gruppo di Finzioni (Associazione culturale e Bottega di narrazione) di cui fanno parte tra gli altri Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi e Michele Cogo, in collaborazione con l’agenzia The Hook Com, che si svolgerà tra Bologna, San Lazzaro di Savena…

View original post 258 altre parole

Pinterest è un sogno? di Angelo Ricci

Che ad Angelo Ricci piaccia sperimentare nuovi percorsi di scrittura oramai è palese: romanzi, racconti, critica letteraria ed ora il breve saggio Pinterest è un sogno? dedicato a Pinterest e al suo utilizzo in particolare nel campo editoriale.
Qual è il rapporto fra Pinterest e gli scrittori? Come gli editori italiani usano Pinterest? Un blog letterario può stare su Pinterest? Le board hanno una loro poetica?
Pinterest è un sogno? inaugura il progetto Social Media Landscapes di Errant Editions: testi brevi, agili e incisivi che mettono a fuoco un dettaglio, un lembo, una prospettiva relativa all’universo dei social networks, dei social media, del web nel suo complesso. Visioni che cercano di individuare le prospettive dell’evoluzione della rete.
Ovviamente il nuovo ebook di Angelo Ricci ha anche una board dedicata su Pinterest.
L’ebook al momento è scaricabile qui.
Prossimamente sarà disponibile in tutti gli store online.

Le lezioni di scrittura di Michele Marziani in cd

Da oggi Le lezioni di scrittura creativa con Michele Marziani sono disponibili anche in cd!
Si tratta di un kit composto da 3 cd nei quali Michele Marziani affronta i seguenti argomenti:
– una storia nasce da un intreccio di suggestioni
– vedere il mondo dalla parte delle radici: dove si intreccia il racconto
– camminare nelle scarpe degli altri: come nasce un personaggio
– allenarsi alla percezione. Leggere e scrivere con gli occhi (vedere, stupire, descrivere); col tatto (raccontare al buio); con le orecchie (nel suono il respiro del mondo); col gusto (lo spettacolo dei sapori), col naso (la magia di un percorso olfattivo)
– allenarsi alla precisione
– Il mestiere di scrivere, tra artigianato e alchimia.

Il kit ha un costo di 39 euro (più 10 euro per le spese di spedizione).
Acquistarlo è semplice: basta inviare una mail a cartaecalamaio@gmail.com indicando
– Nome Cognome e indirizzo di spedizione
– quantità dei kit desiderati
Vi risponderemo inviandovi la conferma della prenotazione e le istruzioni per il pagamento, nonchè fornendovi tutti i dettagli sulla spedizione.

 

Frankfurt Buchmesse

Siamo in partenza per la più importante fiera del libro europea, la Frankfurt Buchmesse. Portiamo il meglio dei nostri autori e la convinzione che quando si ha qualche cosa di bello e valido da condividere – anche se si è una piccola agenzia come la nostra – si possono ottenere buoni risultati.

Concorso letterario “Il cerchio capovolto”

La casa editrice “I Sognatori”, dopo il concorso per i lettori, bandisce un nuovo concorso gratuito per  scrittori esordienti e non. Il genere dei racconti da inviare (al massimo due) è l’Horror ma può essere declinato nei sottogeneri più noti (fantahorror, thriller sovrannaturali, horror comedy…)

Il termine per inviare i lavori è il 31 marzo 2011. I primi 15 classificati verranno premiati con la PUBBLICAZIONE all’interno di un’antologia, che verrà regolarmente editata e inserita nel catalogo de I Sognatori. I racconti verranno sottoposti a editing e correzione della bozza. I vincitori non avranno alcun obbligo di acquisto copie.

Per domande e info scrivere al seguente indirizzo mail: info@casadeisognatori.com

E’ una buona opportunità per farsi conoscere, leggere e, perchè no, pubblicare.

Crime Story Slam

Il festival di narrativa poliziesca La passione per il delitto, in collaborazione con la libreria Area Libri di Seregno, organizza il Crime Story Slam: una gara di brevi racconti, da leggere in 5 minuti, in cui gli autori finalisti, selezionati da una giuria tra coloro che parteciperanno, leggono sul palco i propri scritti e competono in diretta, fino alla proclamazione del vincitore assoluto.
I racconti possono essere su qualsiasi soggetto purché legato al tema della manifestazione, e in qualsiasi stile.
Ogni autore deve presentare un solo testo, rigorosamente originale, che deve avere una durata non superiore ai 5 minuti di lettura.
Il tempo sarà calcolato e cronometrato dal momento in cui inizierà la vera e propria lettura davanti al pubblico. Sono previste penali in termini di decurtazioni di punti – 1 punto ogni 30 secondi – per chi supera il limite di durata: i tempi saranno cronometrati dall’arbitro di gara. Ogni autore può arricchire il proprio reading con accompagnamenti musicali (purché svincolati da obblighi Siae) o soluzioni scenografiche. La partecipazione è aperta a tutti: lettori, scrittori, giornalisti, appassionati, di qualsiasi età. Non sono previste suddivisioni dei partecipanti in categorie particolari.
Gli scritti devono essere inviati entro il 30 agosto 2010 all’indirizzo e-mail redazione@lapassioneperildelitto.it, con oggetto “Crime Story Slam”.
Una giuria composta da sette membri – tre rappresentanti della libreria Area Libri, due rappresentanti del festival e due tra scrittori, giornalisti o critici letterari – voterà entro il 25 settembre 2010 i racconti prevenuti, selezionando i 15 che accederanno alla finale, prevista domenica 10 ottobre 2010, durante l’ultima giornata del festival La passione per il delitto. La classifica dei finalisti sarà pubblicata a partire dal 28 settembre 2010 sul blog del festival, e inviata attraverso la newsletter. Entro fine agosto, con le stesse modalità, saranno inoltre comunicati i nomi dei membri della giuria.
Domenica 10 ottobre i finalisti leggeranno al pubblico i loro racconti, suddivisi in gruppi da 5 concorrenti. A rotazione dieci persone del pubblico selezionate a sorteggio, voteranno i lavori dei concorrenti, fino a selezionare tre finalisti che si affronteranno nella tornata finale. Al vincitore e ai finalisti sarà consegnato il giorno stesso un attestato, e assegnati premi in libri e omaggi messi a disposizione dagli sponsor della manifestazione. I tre racconti saranno inoltre pubblicati sul sito del festival.

Noir è donna: concorso svizzero

Nell’ambito del festival «Tutti i colori del giallo» di Massagno (5-7 maggio 2010), «Cooperazione» bandisce la seconda edizione del concorso letterario «Cooperazione noir» per racconti di genere giallo. C’è tempo fino al 14 marzo 2010 per inviare un breve racconto noir/poliziesco inedito sul tema: «Noir è donna».
Per i dettagli leggete qui

Avviso ai naviganti

In questi giorni il blog è poco aggiornato, ma non è per incuria o pigrizia: sto apportando importanti modifiche al mio sito e allo stesso blog.
Insomma… LAVORI IN CORSO.
A presto con tante novità.

Premio Azzeccagarbugli: i finalisti e la Giuria Popolare

La giuria dei letterati presieduta da Alessandro Perissinotto, e composta da Valerio Calzolaio, Severino Colombo, Enrico Marro, Lia Volpatti ha decretato i cinque finalisti durante una selezione avvenuta sabato 11 luglio a Villa Monastero di Varenna, con votazione in diretta dei cinque titoli prescelti da ogni giurato, che hanno via via composto la classifica finale.

1. 19 voti – Luca Poldelmengo, Odia il prossimo tuo, Kowaslki

2. 15 voti – Bruno Morchio, Rossoamaro, Garzanti

3. 12 voti – Arturo Bongiovanni, Intendo rispondere, Donzelli

4. 10 voti – Elisabetta Bucciarelli, Femmina de luxe, Perdisa

5. 9 punti – Marco Videtta, Un bell’avvenire, e/o

Qui il sito del premio

Ora la parola passa ai 100 giurati popolari estratti a sorte, che leggeranno i libri durante l’estate e li voteranno entro il 2 ottobre, quando si svolgerà la serata di proclamazione del vincitore al Teatro della Società di Lecco.
Qui l’elenco dei giurati

Umberto Dei: il blog

Si intitola Umberto Dei il più recente romanzo di Michele Marziani. Ma dal sottotitolo Biografia non autorizzata di una bicicletta si capisce che Umberto non è una persona, bensì un mezzo di trasporto. E non un semplice due ruote ma un mito per tutti gli appassionati di storia ciclistica. È grazie alla Umberto Dei che il protagonista della storia decide di cambiare completamente vita e che viene coinvolto, alcuni anni dopo, in una vicenda che ha il sapore del giallo sullo sfondo di una Milano multietnica, in bilico fra passato glorioso e presente degrado.
Una storia da leggere su più livelli: la semplice vicenda che parte con un ritmo di rilassata narrazione e diviene via via incalzante, i flash back del protagonista, Arnaldo Scura, e poi pensieri, ricordi, riflessioni sulla nostra attualità, evocazioni di sapori e odori enogastronomici. Raccontati con una scrittura pulita, lineare, ma di grande suggestione e poesia.
Da qualche giorno Umberto Dei è anche un blog dedicato al romanzo, per approfondire la conoscenza con la storia che narra, con i suoi personaggi e con il suo autore.
Il blog lo trovate qui.
Se passate lasciate traccia 🙂

Perchè scrivi? La risposta di Michele Marziani

Qualche giorno fa ho lanciato qui nel blog questa domanda: perchè scrivi?
Mi hanno risposto in tanti con motivazioni interessanti, originali, poetiche.
Questa che segue è la risposta di Michele Marziani, uno scrittore che seguo con molto interesse.

Ci sono domande che solo i bambini sanno fare senza girarci intorno: ma tu perché scrivi? È il mio mestiere, rispondo cercando di cavarmela. Ma perché fai questo mestiere? Perché non so disegnare, ecco la verità. Per me la vita è un disegno, un grande fumetto, di quelli “antichi”, alla Hugo Pratt. La matita sarebbe il mio mondo: io vedo, guardo, ho visioni e di queste visioni inseguo il segno. E nel segno colpisco il foglio ma sbaglio mira e disegno forme diverse da quelle oniriche. Allora mi adiro, mi odio, mi detesto: il risultato si arrende prima del traguardo, è lontano dall’attesa. Allora sconsolato scrivo e le parole escono da sole, nemmeno so cosa voglio dire, apro il foglio, quello elettronico e spingo sui tasti. Sento le dita che vagano come su un pianoforte, ma non è musica, è rumore sordo dell’anima, è la fatica dolce del mondo, socialità d’affetti. Poi mi fermo, sudato, esausto e leggo. E scopro da lì cosa ho scritto. Ecco, io scrivo perché sono abitato da parole che vivono oltre il mio immaginario.

Carta e Calamaio: comunicazione editoriale

Il romanzo a cui pensavi da una vita e che finalmente hai trovato il coraggio di scrivere, rubando ore al sonno e ai tuoi impegni quotidiani, è pronto. Lo hai letto e riletto, limato, perfezionato. Il lavoro più grosso è fatto.
Di questo sono convinti gli autori esordienti, salvo poi ricredersi velocemente. Perchè proprio a libro terminato inizia il percorso più impegnativo: la ricerca dell’editore (serio) che lo pubblichi, e dopo, quando finalmente il nostro sogno è diventato un volume reale, tangibile, la necessità di una promozione adeguata.
E’ facile, per chi vive al di fuori del mondo dell’editoria e non ne conosce le dinamiche, cadere vittima di editori poco seri o presunti agenti letterari, che a fronte di tante parole e pochi fatti, estorcono cifre notevoli senza mantenere le promesse, col risultato che centinaia di copie di quello che potrebbe essere un buon libro, giacciano invendute in un magazzino.
Per questo motivo nasce Carta e Calamaio, un servizio di consulenza agli autori e di supporto nella comunicazione. Innanzitutto per valutare il lavoro di un autore e dirgli – in tutta sincerità – se il suo è un romanzo “vendibile”, se ci deve lavorare ancora, se è meglio che cambi mestiere. Per consigliarlo e supportarlo nella scelta degli editori seri e nel rapporto con essi, per curare la comunicazione efficace del libro una volta pubblicato.
Carta e Calamio offre anche servizi di editing ed ufficio stampa agli editori, nonchè le competenze per organizzare assieme ad associazioni, enti, strutture pubbliche e private corsi, rassegne, manifestazioni legate alla scrittura e all’editoria.
Sempre all’insegna della serietà e nel rispetto di coloro che amano leggere e scrivere.

Blog su WordPress.com.

Su ↑