Enjoy Your Town: “Gli indifferenti, racconto teatrale di una staffetta partigiana” e “Poeti dei suoni. Il profondo e l’effimero / Il Jazz e l’improvvisazione continua”

Ultima settimana per la 3° edizione di Enjoy Your Town, Festival di arti performative in programma fino al 29 aprile 2017 nelle aree urbane del centro storico di Imola che quest’anno ha come tema le Inquietudini Contemporanee.

Segnaliamo in particolare Lunedì 24 aprile ore 19.00 Scritture boreali (Libreria Mondadori, via Emilia 71), Reading di testi di autori scandinavi; Martedì 25 aprile ore 21.00 Gli indifferenti (Quintoveda via Cavour 58), Racconto teatrale di una staffetta partigiana a cura della compagnia Alice gira in città. Mercoledì 26 aprile ore 20.30 Poeti dei suoni. Il profondo e l’effimero / Il Jazz e l’improvvisazione continua (Quintoveda via Cavour 58), il primo di tre incontri di ascolto guidato nella musica a cura del M° Marco Belluzzi direttore del coro Attosecondo di Bologna.

Enjoy Your Town è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola, con il supporto di tantissime attività commerciali e non della città.L’obiettivo del festival è proporre tanti momenti di riflessione su una tematica che oggi è veramente all’ordine del giorno, che riguarda tutti noi, nelle nostre incertezze e fragilità.

Gli eventi dal 21 al 29 aprile

Venerdì 21 aprile

ore 21 RockinageQuintoveda (via Cavour 58). Concerto band Pop/rock in collaborazione con Jeko Music

Sabato 22 aprile

ore 17 Drink it!Porta Montanara. Spettacolo di improvvisazione teatrale a cura della Compagnia 05QuartoAtto di Ravenna

ore 18 Il coraggio di volareP.zza dell’Ulivo. Anteprima dello spettacolo realizzato dai bambini della scuola primaria Campanella di Imola liberamente ispirato a “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” di L. Sepulveda

ore 18.15 Ubi Sunt / AnteprimaPiazza Gramsci. Monologhi teatrali a cura del gruppo di teatro dell’istituto Alberghetti di Imola

ore 18.30 Sovrap-posizioniPomo Da Damo Contemporary Gallery (via XX settembre 27). Performance di teatro danza a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta.

ore 19 Nuove generazioniTop of the Hops (via Selice 60)

ore 20 Karamazov in concertoTerrazza Panoramica (via Selice 40). Giovane cantautore imolese racconta gli stati d’animo dei giovani d’oggi tra inquietudini e società contemporanea.

ore 20 QuintovedAfterQuintoveda (via Cavour 58). Fino a tarda notte musica, drink, stuzzicheria e ballo! Una serata per scatenarsi in pista!

Ore 21 Impronte nella nebbia Parco dell’Osservanza. Spettacolo di teatro danza della compagnia Alice gira in Città con musiche di Antonino Stella.

Domenica 23 aprile

CACOFONIE Punti Caco a Imola

ore 14 30-16 30 Inquietudini intrapersonali – Piazza Matteotti (in caso di pioggia a Quintoveda, via Cavour 58). Workshop Danza contemporanea a cura di Serena Fossanova, danzatrice

ore 17 Angosce che hanno origine nell’estasi -Top of the Hops (via Selice 60). Immagini, suggestioni, installazioni e performance ispirate alle opere di Edgard Allan Poe

ore 18 Coni d’ombra / Fluttuando tra cielo e terra – River Side Caffè (via Pirandello 9). Reading a cura del gruppo di scrittura Ippogrifo

ore 18.30 Un caos di emozioni buttate alla rinfusa in un corpo – Minimo (via Emilia 103). Danza contemporanea con la danzatrice Serena Fossanova

ore 19.30 H8full – Quintoveda (via Cavour 58). Tarantino tribute band

ore 22 Senza gravità – Caffè Porteno (via Emila 241a). Improvvisazioni di danza contemporanea con Djset di musica elettronica a cura di Pè.Gal e Samanta Sonsini

Lunedì 24 aprile

ore 11/ 12:30 Incursioni boreali via Appia, via Mazzini, via Emilia. Incursioni teatrali liberamente ispirate alle saghe nordiche. A cura di Quintoveda e Carta e Calamaio.

Ore 19.00 Scritture borealiLibreria Mondadori (via Emilia 71). Reading di testi di autori scandinavi a cura di Carta e Calamaio

Martedì 25 aprile

Ore 21.00 Gli indifferenti Quintoveda (via Cavour 58). Racconto teatrale di una staffetta partigiana a cura della compagnia Alice gira in città

Mercoledì 26 aprile

ore 20.30 Poeti dei suoni. Il profondo e l’effimero / Il Jazz e l’improvvisazione continua Quintoveda (via Cavour 58). Il Primo di tre incontri di ascolto guidato nella musica a cura del M° Marco Belluzzi direttore del coro Attosecondo di Bologna

Giovedì 27 aprile

ore 21.00 A passi inquieti Sala polivalente di Borgo Tossignano (via Zoffoli 1). Spettacolo realizzato con gli abitanti di Borgo Tossignano all’interno del progetto MINDFACTORY fabbrica di idee e metodi di ricerca teatrale

Venerdì 28 aprile

ore 17.30 Tra sogno e realtà La città dei giochi (via appia 56). Performance dei corsi di danza di Quintoveda liberamente ispirato a Giselle.

Ore 18 Acronìe / Viaggi imprevisti Piazza caduti per la libertà. Anteprima dello spettacolo teatrale realizzato dai ragazzi della scuola primaria Rubri di Zolino.

Ore 18.30 Tra sogno e realtà – Galleria del centro cittadino. Performance dei corsi di danza di Quintoveda liberamente ispirato a Giselle. In collaborazione con il bar Roma

ore 19 Letture in galleria. Letture teatrali per bambini Galleria del centro cittadino.

Ore 20 Il posto era oscuro, polveroso e perso. Reading ispirato alle opere di Lovecraft con musica dal vivo a cura di Samanta Sonsini e Antonino Stella

ore 21 I prototipi Quintoveda (via Cavour 58). Cover Band

Sabato 29 aprile

Giornata mondiale della danza

ore 17 – 20.00 Performance, improvvisazioni e coreografie nelle piazze e nelle strade del centro storico
Special guest Michela Rosa, danzatrice di Roma, con la performance Alzarzi – Studio sulla caduta, il recupero della verticalità e loro declinazioni.

Ore 21 Closing Party – Quintoveda (via Cavour 58). Musica, drink, stuzzicheria.

 

Trovate tutti gli eventi in calendario sul sito http://eyt.imola.city/

Enjoy Your Town: questa settimana Karamazov, Inquietudini nordiche, Workshon di urban photography, Wanted Primo Maggio

Terza settimana di eventi per la 3° edizione di Enjoy Your Town, Festival di arti performative in programma fino al 29 aprile 2017 che si sta svolgendo nelle aree urbane del centro storico di Imola e propone oltre cento eventi declinati secondo il tema delle Inquietudini Contemporanee.
Enjoy Your Town è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola, con il supporto di tantissime attività commerciali e non della città.
L’obiettivo del festival è proporre tanti momenti di riflessione su una tematica che oggi è veramente all’ordine del giorno, che riguarda tutti noi, nelle nostre incertezze e fragilità.

Gli eventi dal 7 al 17 aprile

Venerdì 7 aprile
ore 21.00 I soliti ignoti – Quintoveda (via Cavour 58). Cover band acustica

Sabato 8 aprile
ore 10-17 Inquietudini urbane – Quintoveda (via Cavour 58). Laboratorio di street photography. A cura di Carlo Alberto Civolani e Michela Balboni. info e prenotazioni: info@quintoveda.com, SMS 3891977257, Segreteria 0542 22520
ore 11/ 12:30 Incursioni boreali – via Nardozzi, via Emilia, via Quaini. Incursioni teatrali liberamente ispirate alle saghe nordiche. A cura di Quintoveda e Carta e Calamaio.
ore 11.00 Karamazov in concerto– All the best music shop (via Mazzini 15) Indie italiano
ore 16-19 Inquietudini nordiche – Workshop di approfondimento sulla cultura scandinava Quintoveda (via Cavour 58). A cura della Dott.ssa Carla Casazza. Attraverso letteratura, musica, cinema, arti visive, filosofia sarà possibile approfondire la cultura e lo stile di vita dei popoli nordici che fanno dell’inquietudine una connotazione peculiare della propria anima, spinta al cambiamento, motore di indagine interiore, “musa” di artisti e intellettuali. Iscrizioni a carlacasazza67@gmail.com
ore 17:15 Oz in the dark – La città dei giochi (via Appia 56) lettura animata per ragazzi
ore 17.30 Alice una di noi – Via Emilia Ovest. Performance teatrale a cura della Compagnia Exit
ore 18.00 Anatomia dell’Inquietudine. Divagazioni filosofiche in compagnia di Chatwin e Dante – Chaimandir (via Orsini 35). L’inquietudine si rivela essere uno stato d’animo sempre più diffuso nelle società contemporanee. Durante l’incontro si cercherà di muoversi a ritroso nella storia del pensiero per sondare quanto essa sia costitutiva della stessa condizione umana e quali siano le sue relazioni con l’antitesi tanto spesso invocata, la quiete. Pietre miliari dell’itinerario saranno gli scritti di Bruce Chatwin e Dante Alighieri. A cura del filosofo Gianmaria Beccari
ore 19:00 Elastiche deformazioni – Top of the Hops (via Selice 60). Installazioni, performance, musica, letture a cura di Quintoveda. Birre artigianali a tema.
ore 20:00 Io sono ovunque – Terrazza Panoramica (via Selice 40). Spettacolo di Danza contemporanea e Musica Elettronica a cura di Samanta Sonsini e Pè.Gal
ore 21:00 Drive me dead – Quintoveda(via Cavour 58). Concerto Rock

Domenica 9 aprile
ore 10-17 Inquietudini urbane – Quintoveda (via Cavour 58). Laboratorio di street photography. A cura di Carlo Alberto Civolani e Michela Balboni. info e prenotazioni: info@quintoveda.com, SMS 3891977257, Segreteria 0542 22520
ore 11-13 e 15-17 Visioni Notturne – Quintoveda (via Cavour 58). Workshop movimento autentico e Teatro Danza
I workshop verteranno sull’immaginario grafico di Alfred Kubin, illustratore che racconta un generazione destinata agli scontri, al terrore, al caos, ai mostri della psiche. Un mondo onirico da esplorare attraverso il corpo, un mondo che fa da veicolo per le nostre emozioni. All’interno del laboratorio si sperimenteranno anche l’uso del colore, la pittura e la parola. Non sono necessarie esperienze precedenti di teatro o danza. Performance finale sabato 29 aprile per la giornata internazionale della danza. Docente: Samanta Sonsini
ore 17.00 Banda Tambù in concerto – Piazza dei Servi
ore 18.00 Parole musiche e gesti di strada –  piazza Matteotti. Spettacolo a cura del Teatro Degli Angeli –  regia di Claudia Rota
ore 19.00 Metropolitan – Centro storico. Performance itinerante in collaborazione con Eden Parkour
ore 19.30 Jam Session – Quintoveda (via Cavour 58)

Martedì 11 aprile
ore 21.00 Il trasformarsi di un essere – Quintoveda (via Cavour 58). Assolo di teatro-danza liberamente ispirato a La metamorfosi di F. Kafka a cura di Samanta Sonsini

Mercoledì 12 aprile
ore 21.00 Teatro e cittadinanza  – Quintoveda (via Cavour 58). Incontro a cura di Compagnia Exit

Giovedì 13 aprile
ore 21.00 Io sono ovunque  – Sala polivalente di Borgo Tossignano (via Zoffoli 1). Spettacolo di Danza contemporanea e Musica Elettronica a cura di Samanta Sonsini e Pè.Gal

Venerdì 14 aprile
ore 15.00 /17.00 Faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto – Bottega Zero (via Nardozzi). Laboratorio teatrale ispirato alla figura di V. Van Gogh a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta. Performance finale alle ore 19.
ore 17.30 Pollicino segreto – Bottega Zero (via Nardozzi). Lettura teatrale a cura della Compagnia Artisti Molesti
ore 18.00 / 19.00 Paint! – Bottega Zero (via Nardozzi). Laboratorio di pittura libera e movimento creativo per bambini da 2 anni in su.
Ore 19 Faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto – via Nardozzi, via Emilia. Performance conclusiva del laboratorio realizzato in collaborazione con Bottega Zero.
Ore 20 Faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto – via Cavour. Performance conclusiva del laboratorio realizzato in collaborazione con Bottega Zero.
Ore 21 Fuori rotta – Quintoveda (via Cavour 58). Concerto Pop Rock in collaborazione con Jeko Music

Sabato 15 aprile
ore 10-17 Ossa – Lo scheletro è la nostra casa – Quintoveda (via Cavour 58). Andare ad ascoltare, scoprire, esplorare la nostra struttura portante, attraverso il contatto e l’esperienza minuziosa, per schiudere il corpo e trovare possibilità di movimento senza sforzo. Gran parte del laboratorio sarà dedicata a questa esplorazione, segmento dopo segmento, per andare in realtà a ricreare una unità che ci sosterrà per tutta la parte coreografica che concluderà il laboratorio.
ore 17.00 From father to son live – All the best music shop (via Mazzini 15)
ore 17.30  Sovrap-posizioni –  Pomo Da Damo Contemporary Gallery (via XX settembre 27). Performance di teatro danza a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta.
ore 18.00 Improvvisazioni urbane a cura di Quintoveda
ore 18.30 Disincanto – Bottega Gollini Galleria D’arte (via Emila 43). Performance di teatro danza liberamente ispirata a Il Muro di J. P. Sarte a cura di Samanta Sonsini, regista, danzatrice e danzamovimentoterapeuta.
Ore 19.00 Wanted Primo Maggio – Quintoveda (via Cavour 58). Finale Emilia-Romagna del talent live in collaborazione con Hiroshima Mon Amour (To) e Toast Records

Lunedì 17 aprile
Giornata musei riflessi tra storia arte e contemporaneità in collaborazione con i Musei Civici di Imola
ore 10 Senza gravità –  Museo di S. Domenico (via Sacchi 4). Improvvisazioni di danza contemporanea con Djset di musica elettronica a cura di Pè.Gal e Samanta Sonsini
ore 11 Architetture di corpi e foglie – Palazzo Tozzoni (via Garibaldi 18). Performance di danza contemporanea e improvvisazione con musica dal vivo a cura di Quintoveda
ore 12 Sincronie –– Rocca sforzesca (Piazzale Giovanni dalle Bande nere). Performance di Teatro e Danza a cura della compagnia Alice gira in Città
ore 15.30 Senza gravità –  Museo di S. Domenico (via Sacchi 4). Improvvisazioni di danza contemporanea con Djset di musica elettronica a cura di Pè.Gal e Samanta Sonsini
ore 16  Inquietudini letterarie – Palazzo Tozzoni (via Garibaldi 18). Reading di testi di scrittori imolesi e non a cura di Carta e Calamaio
ore 17 Architetture di corpi e foglie – Rocca sforzesca (Piazzale Giovanni dalle Bande nere). Performance di danza contemporanea e improvvisazione con musica dal vivo a cura di Quintoveda
ore 18 Karamazov / La generazione persa – Museo di S. Domenico (via Sacchi 4). Giovane cantautore imolese racconta gli stati d’animo dei giovani d’oggi tra inquietudini e società contemporanea

Inoltre

dal 31 marzo al 28 aprile, ore 17-18, Zeta Lab / Hip Hop e danza urbana, da 6 a 10 anni.
Un percorso divertente e pieno di energia che andrà a contaminare l’hip hop con la danza urbana ovviamente a misura di bambino. Si lavorerà insieme sulle musiche, i movimenti e gli spazi per preparare una performance finale per il 29 aprile Giornata internazionale della danza. Docente: Samanta Sonsini. Info e iscrizioni: info@quintoveda.com, sms 3891977257

Trovate tutti gli eventi in calendario sul sito http://eyt.imola.city/

Enjoy Your Town: questa settimana Giovanni Marinelli live, Coro Attosecondo in concerto, Inquietudo Project

Dopo la partenza alla grande, prosegue la 3° edizione di Enjoy Your Town, Festival di arti performative in programma fino al 29 aprile 2017 che si sta svolgendo nelle aree urbane del centro storico di Imola e propone oltre cento eventi declinati secondo il tema delle Inquietudini Contemporanee.
Enjoy Your Town è organizzato da Panta Rei Associazione di Liberazione delle Arti e Quintoveda, realtà artistica e culturale situata nel centro storico di Imola, con il supporto di tantissime attività commerciali e non della città.
L’obiettivo del festival è proporre tanti momenti di riflessione su una tematica che oggi è veramente all’ordine del giorno, che riguarda tutti noi, nelle nostre incertezze e fragilità.

Gli eventi dal 31 marzo all’8 aprile

Venerdì 31 marzo

ore 18 Anatomia dell’Inquietudine. Divagazioni filosofiche in compagnia di Chatwin e Dante – Chaimandir (via Orsini 35). L’inquietudine si rivela essere uno stato d’animo sempre più diffuso nelle società contemporanee. Durante l’incontro si cercherà di muoversi a ritroso nella storia del pensiero per sondare quanto essa sia costitutiva della stessa condizione umana e quali siano le sue relazioni con l’antitesi tanto spesso invocata, la quiete. Pietre miliari dell’itinerario saranno gli scritti di Bruce Chatwin e Dante Alighieri. A cura del filosofo Gianmaria Beccari

ore 20 Improvvisazioni lunari – Giardini di S. Domenico. Improvvisazioni di danza e movimento a cura della Compagnia Alice Gira in Città. il movimento più urbano e contemporaneo si nutre delle contaminazioni con la musica di Chopin

ore 21, Giovanni Marinelli in concerto – Quintoveda. Presentazione del nuovo album Il Velo di Maya. Con: Giovanni Marinelli – voce, chitarra – Max Scarcia – chitarra – Tiziano De Siati – basso – Max Messina – batteria.
Giovanni Marinelli, artista noto all’interno del panorama musicale indipendente italiano per le sue collaborazioni e opening live prestigiose (Omar Pedrini, Federico Poggipollini, Blastema, Ignazio Orlando…) e per l’album “Oniria” (2013) che ha spopolato nelle classifiche radiofoniche indipendenti, torna sulla scena con il suo nuovo attesissimo lavoro: “Il Velo di Maya”.
Il suo singolo d’anteprima “Aspettando Qualcuno” ha già ottenuto uno straordinario successo in radio e ha suscitato la curiosità del pubblico. Con la produzione artistica di Carmelo Pipitone dei Marta sui Tubi e il masteringeseguito da Marc Urselli all’East Sound Studio di New York, è disponibile su iTunes Il Velo di Maya, terzo album solista di Giovanni Marinelli pronto a segnare la svolta artistica del cantautore verso un sound spiccatamente indie.
Il Velo di Maya è un album dalle tematiche complesse, intime: un mix di suoni moderni in grado di produrre atmosfere sonore incisive e dinamiche. L’indie rock la fa da padrone ma non mancano spunti ad armonie orientali e accenti di elettronica. Si potrebbe definire un viaggio interiore, specchio della personalità di un artista vissuto che affida alle sue canzoni il compito di raccontare se stesso e la realtà che lo circonda.

Sabato 1 aprile
ore 17-18.30, 2 Steps in concerto – All the best music shop (via Mazzini 15)
ore 17.30 – Logica della dissimulazione – Piazza Caduti per la Libertà. Performance a cura di Mayra Romero, Compagnia Alice Gira in Città.
ore 18 – Coro Attosecondo in concerto. Museo S. Domenico (via Sacchi 4). Performance del coro polifonico bolognese diretto dal maestro Marco Belluzzi.
Attosecondo si è costituito nel 1997 e riunisce una ventina di musicisti e cantanti accomunati dall’entusiasmo e dalla passione per la coralità, che si alternano nei diversi ruoli di coristi, solisti, strumentisti, arrangiatori e tecnici dando vita ad uno spettacolo che esprime una vera e propria coralità d’insieme.
Il gruppo ha inizialmente esplorato i canti della tradizione nera afro-americana, frequentemente personalizzati con propri arrangiamenti, e successivamente ha intrapreso altre strade musicali avvicinandosi al ‘900 storico e contemporaneo, alla musica popolare e pop. Questo ha permesso di sperimentare sonorità più vicine al gruppo sia culturalmente che anagraficamente.
ore 19.30 Inquietudo Project. Trilogia sull’Oggi – Giardini di San Domenico. Progetto coreografico e di regia collettiva a cura di Samanta Sonsini e Compagnia Alice gira in città. Con Samanta Sonsini e Mayra Romero.
Nato nel settembre 2015 sperimentando il lavoro con gruppi diversi di persone più o meno ampi, questo progetto è nato in una prima fase per indagare le inquietudini dell’uomo di oggi coinvolgendo persone di tutte le età e raccogliendo le loro esperienze, utilizzando le loro emozioni per produrre i testi dello spettacolo, facendo del momento laboratoriale un vero e proprio momento di ricerca.
Dopo quest’ampia raccolta di materiali , non solo scritti, ma anche di movimento, le tre tappe del progetto Inquietudo, della durata di 30 minuti ciascuna, sono diventati tre momenti di spettacolo indipendenti ma strettamente connessi.
A un anno di distanza, la Compagnia Alice gira in città vuole fare di questi materiali, in particolar modo di quelli più significativi, un unico spettacolo che racconti l’essere umano di oggi sulle musiche dell’imolese Giovanni Dal Monte.
ore 20.00 QuintovedAfter – Quintoveda (via Cavour 58) Fino a tarda notte musica, drink, stuzzicheria e ballo! Una serata per scatenarsi in pista!

Domenica 2 aprile
ore 17 Improvvisazioni lunari – Prato della Rocca. Improvvisazioni di danza e movimento a cura della Compagnia Alice Gira in Città. il movimento più urbano e contemporaneo si nutre delle contaminazioni con la musica di Chopin
ore 17:30 Equilibri e stati precari – Caffè della Rocca (viale Saffi 59) Arti circensi e giocoleria a cura delle Fucine Vulcaniche. In collaborazione con Barcode.
ore 18:30 L’anima si getta all’avventura – Viale Saffi. Performance itinerante liberamente ispirata alla vita e alle poesie di Alda Merini, a cura di Samanta Sonsini
ore 18:45 Alice una di noi – Porta Montanara. Performance compagnia Exit
ore 19:30 Sometimes.No. in concerto – Quintoveda (via Cavour 58). Duo contrabbasso e voce

Martedì 4 aprile
ore 21:00 Inquietudini letterarie – Quintoveda (via Cavour 58). Reading di autori imolesi e non a cura di Carta e Calamaio.

Mercoledì 5 aprile
ore 18:00 Alice in the dark – Libreria Mondadori (via Emilia 71). Lettura per ragazzi a cura della Compagnia Exit
ore 19:00 / 20:30 Dall’anima al mare aperto – Via Emilia, P.zza Abate Ferri, Via Cavour. Letture itineranti a cura della Compagnia Exit
ore 21:00 Teatro e nuove generazioni – Quintoveda (via Cavour 58). Incontro a cura di Compagnia Exit e Samanta Sonsini

Giovedì 6 aprile
ore 21:00 I miei giorni felici – Sala polivalente di Borgo Tossignano (via Zoffoli 1). Spettacolo teatrale compagnia FUAL di Modena

Venerdì 7 aprile
ore 21.00 I soliti ignoti – Quintoveda (via Cavour 58). Cover band acustica

Sabato 8 aprile
ore 11/ 12:30 Incursioni boreali – via Nardozzi, via Emilia, via Quaini. Incursioni teatrali liberamente ispirate alle saghe nordiche. A cura di Quintoveda e Carta e Calamaio.
ore 16-19 Inquietudini nordiche – Workshop di approfondimento sulla cultura scandinava Quintoveda (via Cavour 58). A cura della Dott.ssa Carla Casazza. Attraverso letteratura, musica, cinema, arti visive, filosofia sarà possibile approfondire la cultura e lo stile di vita dei popoli nordici che fanno dell’inquietudine una connotazione peculiare della propria anima, spinta al cambiamento, motore di indagine interiore, “musa” di artisti e intellettuali. Iscrizioni a carlacasazza67@gmail.com
ore 17:00 Concerto – All the best music shop (via Mazzini 15)
ore 17:15 Oz in the dark – La città dei giochi (via Appia 56) lettura animata per ragazzi
ore 17.30 Anatomia dell’Inquietudine. Divagazioni filosofiche in compagnia di Chatwin e Dante – Chaimandir (via Orsini 35). L’inquietudine si rivela essere uno stato d’animo sempre più diffuso nelle società contemporanee. Durante l’incontro si cercherà di muoversi a ritroso nella storia del pensiero per sondare quanto essa sia costitutiva della stessa condizione umana e quali siano le sue relazioni con l’antitesi tanto spesso invocata, la quiete. Pietre miliari dell’itinerario saranno gli scritti di Bruce Chatwin e Dante Alighieri. A cura del filosofo Gianmaria Beccari
ore 18:15 Alice una di noi – Via Emilia Ovest. Performance teatrale a cura della Compagnia Exit
ore 19:00 Elastiche deformazioni – Top of the Hops (via Selice 60). Installazioni, performance, musica, letture a cura di Quintoveda. Birre artigianali a tema.
ore 20:00 Io sono ovunque – Terrazza Panoramica (via Selice 40). Spettacolo di Danza contemporanea e Musica Elettronica a cura di Samanta Sonsini e Pè.Gal
ore 21:00 Drive me dead – Quintoveda(via Cavour 58). Concerto Rock

Inoltre

dal 31 marzo al 28 aprile, ore 17-18, Zeta Lab / Hip Hop e danza urbana, da 6 a 10 anni.
Un percorso divertente e pieno di energia che andrà a contaminare l’hip hop con la danza urbana ovviamente a misura di bambino. Si lavorerà insieme sulle musiche, i movimenti e gli spazi per preparare una performance finale per il 29 aprile Giornata internazionale della danza. Docente: Samanta Sonsini. Info e iscrizioni: info@quintoveda.com, sms 3891977257

Persi nella rete: mini corsi per usare bene Twitter e Instagram

Hai un profilo Twitter o Instagram e vorresti usarlo in modo consapevole e funzionale?
Carta e Calamaio e Quintoveda propongono due mini corsi di due ore ciascuno per scoprirne i segreti e le potenzialità.

Twitter: come fare microblogging in 140 caratteri
mercoledì 9 novembre ore 20-22

Instagram: storytelling attraverso le immagini
mercoledì 16 novembre ore 20-22

Il costo di ciascun mini corso è di 20 € + Tessera Panta Rei

Iscrizioni: cartaecalamaio@gmail.com

Writing underground: corso di scrittura e lettura conviviale a Quintoveda

Prosegue la nostra collaborazione con Quintoveda (Via Cavour 58) il locale di Imola gestito da Panta Rei, associazione di liberazione delle arti. Vi parleremo presto, prestissimo, dell’interessante e ricco programma della stagione 2016-2017, ma intanto anticipiamo le informazioni su Writng underground, il corso di scrittura e lettura conviviale che la nostra editor e scrittrice Carla Casazza terrà a Quintoveda a partire dal 6 ottobre (ore 19-21).
Durante la prima lezione – che sarà gratuita – Carla spiegherà anche nel dettaglio come si articolerà il corso che si suddivide in tre moduli:
– Scrivere per raccontare, corso di scrittura narrativa
– Scrivere per comunicare, corso di scrittura argomentativa
– Leggere rende liberi, corso per lettori consapevoli.
È possibile iscriversi a un solo modulo per volta, oppure scegliere il “pacchetto” completo. In questo caso sarà applicato lo sconto di 40 euro sulla quota complessiva.

I moduli nel dettaglio

Scrivere per raccontare, corso di scrittura narrativa (13, 20, 27 ottobre e 3 novembre ore 19-21)
Come scrivere un racconto o un romanzo, partendo da una idea e sviluppando la narrazione per arrivare al manoscritto finale.

Il modulo, articolato in quattro lezioni, ti insegnerà a scrivere un racconto o romanzo partendo da una prima idea anche molto schematica di storia e sviluppando la narrazione, fino a una prima stesura del testo e poi al manoscritto definitivo. Nel corso delle lezioni saranno affrontati i seguenti argomenti:
– L’idea per una storia: come trovarla e trasformarla in un progetto di scrittura
– Cosa fare prima di iniziare a scrivere: schemi, soggetti, e altri suggerimenti
– Come strutturare il testo
– Scegliere il genere letterario, la forma narrativa, la voce narrante
– Dare vita ai personaggi
– Tempi e luoghi: il contesto della storia
– I dialoghi
– La revisione del testo
– Editing e correzione di bozze
Sono previste esercitazioni pratiche durante le ore di lezione e a casa.

Costo del modulo 100 euro+ TESSERA PANTA REI 4 euro (per chi non è già in possesso della tessera Arci 2016).
All’atto dell’iscrizione è richiesto il versamento di una caparra di 30 euro. Il resto del corso va pagato direttamente durante la prima lezione del modulo.

———-

Scrivere per comunicare, corso di scrittura argomentativa (10, 17, 24 novembre ore 19-21)
Come scrivere un saggio, una relazione, una lettera, un comunicato e qualsiasi testo che vogliamo risulti efficace e corretto

Il modulo, articolato in tre lezioni, ti insegnerà a scrivere un testo (saggio, relazione, lettera, comunicato stampa, ecc.) corretto, efficace, circostanziato, e migliorare le tue capacità di scrittura in generale. Nel corso delle lezioni saranno affrontati i seguenti argomenti:
– Cosa fare prima di iniziare a scrivere: schemi e altri suggerimenti
– Come strutturare il testo
– Le regole della scrittura argomentativa: come scrivere un saggio, una relazione, una lettera, un comunicato, ecc.
– La revisione del testo
– Grammatica e ortografia
– Editing e correzione di bozze
Sono previste esercitazioni pratiche durante le ore di lezione e a casa.

Costo del modulo 80 euro+ TESSERA PANTA REI 4 euro (per chi non è già in possesso della tessera Arci 2016).
All’atto dell’iscrizione è richiesto il versamento di una caparra di 30 euro. Il resto del corso va pagato direttamente durante la prima lezione del modulo.

———-

Leggere rende liberi, corso per lettori consapevoli (12, 19, 26 gennaio e 2 febbraio ore 19-21)
Quattro lezioni per migliorare (o approfondire) il proprio rapporto con i libri e la lettura

Sei un lettore instancabile alla ricerca di nuovi stimoli?
Vorresti leggere ma non trovi niente che ti spinge ad andare oltre la seconda pagina del libro?
Ti piacerebbe arricchire la tua cultura letteraria ma non sai da che parte iniziare?
Vuoi condividere la tua passione per la lettura con altre persone?
Durante le quattro lezioni del modulo potrai migliorare o approfondire il tuo rapporto con i libri, scoprire aspetti inediti della lettura, ampliare le tue conoscenze letterarie, trovare spunti e idee o riscoprire la voglia di leggere.
Nel corso delle lezioni si parlerà di:
– Come e perché leggere
– Libri cartacei ed ebook
– I gruppi di lettura
– I social network letterari
– Diritti del lettore
– Slow Reading Manifesto
– Lettura e traduzione
– Lettura terapeutica
– Bibliografie e consigli per percorsi di lettura tematici.

Costo del modulo 80 euro+ TESSERA PANTA REI 4 euro (per chi non è già in possesso della tessera Arci 2016).
All’atto dell’iscrizione è richiesto il versamento di una caparra di 30 euro. Il resto del corso va pagato direttamente durante la prima lezione del modulo.

Sei ti iscrivi subito a tutti e tre i moduli avrai uno sconto di 40 euro: pagherai 220 euro invece di 260.

Per informazioni e iscrizioni cartaecalamaio@gmail.com

Guida essenziale di stile redazionale in omaggio a chi si iscrive alla newsletter

Guida EssenzialeNon vi siete ancora iscritti alla newsletter mensile di Carta e Calamaio?
Se volete ricevere aggiornamenti sulle  nostre attività, conoscere le date dei prossimi corsi e workshop, delle presentazioni, gli ultimi libri pubblicati dagli autori con cui lavoriamo, i concorsi che vi consigliamo e tanto altro ancora, vi basta andare a questo link e compilare il breve form.
Volete un motivo in più?
Chi si iscrive alla newsletter riceve in omaggio la nostra Guida essenziale di stile redazionale, un strumento semplice ma utilissimo per chi scrive.

Leggere rende liberi: corso per lettori consapevoli

Foto DeathtoStock_Creative Community
Foto DeathtoStock_Creative Community

Sei un lettore instancabile alla ricerca di nuovi stimoli?
Vorresti leggere ma non trovi niente che ti spinge ad andare oltre la seconda pagina del libro?
Ti piacerebbe arricchire la tua cultura letteraria ma non sai da che parte iniziare?
Vuoi condividere la tua passione per la lettura con altre persone?
Carta e Calamaio propone un corso in quattro lezioni per migliorare o approfondire il proprio rapporto con i libri, scoprire aspetti inediti della lettura, ampliare le proprie conoscenze letterarie, trovare spunti e idee o riscoprire la voglia di leggere.
Il corso si svolgerà il 16, 23 febbraio, 1, 8 marzo 2016 dalle ore 18 alle 20 in Cioccolateria (Via Orsini, 3) a Imola.
Durante le lezioni saranno affrontati i seguenti argomenti:
Come e perché leggere
Libri cartacei ed ebook
Lettura e traduzione
Lettura terapeutica
Bibliografie e consigli per percorsi di lettura tematici
Gruppi e circoli di lettura
I social network letterari
Diritti del lettore
Slow Reading Manifesto

Docente sarà Carla Casazza: scrittrice, editor, giornalista pubblicista, si occupa di scrittura e comunicazione editoriale con una particolare attenzione agli autori esordienti.

Costo € 98

Informazioni, iscrizioni e prenotazioni: cartaecalamaio@gmail.com
cell 335 6770994

Iscrizioni entro il 13 febbraio 2016

Per i corsisti la Cioccolateria propone una merenda speciale al costo di € 3.50 che comprende gaufre alla vaniglia e cioccolata calda.

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 12.000 volte in 2015. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 4 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Edizione natalizia della newsletter di Carta e Calamaio

bustaChi è iscritto alla nostra newsletter, nei giorni scorsi dovrebbe avere ricevuto un’edizione natalizia con gli aggiornamenti e i nostri auguri.

Vuoi essere sempre aggiornato sulle attività di Carta e Calamaio? Conoscere i concorsi letterari interessanti, quali libri dei nostri autori sono usciti e quali usciranno, i calendari delle prossime presentazioni e tanto altro?
Iscriviti alla newsletter!
Per farlo vai a questo link e compila il form.
La prossima newsletter arriverà nella tua casella mail in gennaio.

 

Il team di Carta e Calamaio: intervista a Carla Casazza

Chi sono i professionisti che fanno parte del team di Carta e Calamaio? Una volta tanto puntiamo i riflettori dietro le quinte e vi offriamo la possibilità di conoscerli meglio attraverso alcune interviste. Conosciamo meglio Carla Casazza, giornalista, editor e manager editoriale.

Carla_maggio2015BNPerché hai scelto di lavorare in ambito editoriale?
Ho sempre amato leggere e scrivere, fin dalle scuole elementari. Dopo la laurea ho iniziato a collaborare con un settimanale locale e ho capito che il giornalismo poteva essere una delle strade da percorrere. Da quel momento mi si sono presentate diverse occasioni professionali che via via mi hanno introdotto ai “mestieri” editoriali così, oltre che giornalista, sono diventata editor, manager culturale e talent scout.

Cosa significa realmente editare un libro?
Prima di tutto è molto importante rispettare il lavoro dello scrittore. Per questo quando edito un manoscritto cerco di immedesimarmi nell’autore, nel suo stile di scrittura, di capire perché ha scelto quel genere letterario per raccontare la sua storia e quali percorsi ha seguito per arrivare a quel testo. Tutto ciò per fare in modo che le mie correzioni e i miei suggerimenti siano coerenti con la sua “personalità letteraria”. Il mio intervento, infatti, deve servire a rendere il testo migliore, più scorrevole o coinvolgente se ce n’è bisogno; a volte il testo è già ottimo e il mio lavoro si riduce a correggere refusi, sviste, e poco altro. L’editor non deve mai stravolgere o modificare il testo nella sua essenza, per questo è fondamentale il confronto con l’autore che deve accettare di apportare solo i miglioramenti e le correzioni che condivide e che sente in linea col proprio stile.

Secondo te è necessaria una preventiva formazione al mestiere di editor? Se sì in cosa dovrebbe consistere?

Di certo non si può improvvisare. Oltre a conoscere bene la lingua italiana è necessario sapere come funzionano le dinamiche narrative, ma anche avere un po’ di esperienza in ambito editoriale: qual’è l’iter del libro dal manoscritto alla pubblicazione, che professionalità intervengono durante il percorso, come funziona oggi il mondo dell’editoria. Esistono tanti corsi ben fatti su questi temi e altrettanti libri interessanti. Ma oltre alla formazione è indispensabile l’esperienza.

Dicono che in Italia ci sono troppi scrittori e pochi lettori. Qual è il tuo rapporto con la lettura?
Leggo tantissimo, un centinaio di libri all’anno, e su qualsiasi supporto (libro cartaceo, e-reader, tablet). Credo che non riuscirei a vivere senza lettura. Leggo molto per lavoro ma anche per piacere personale. Mi annoto i passaggi che mi colpiscono o i contenuti che voglio memorizzare. Insomma sono una lettrice onnivora, interattiva e – lo ammetto – anche piuttosto compulsiva.

Qual è la domanda che gli scrittori ti fanno più spesso?
Mi chiedono se secondo me il loro libro piacerà ai lettori, e all’editore (nel caso siano ancora in cerca di un contratto).

Che rapporto hai con i tuoi colleghi?
Un ottimo rapporto. Non sono competitiva, amo ciò che faccio e cerco di compiere il mio lavoro con la massima professionalità. Credo che la mia serietà e l’approccio “zen” che ho nel lavoro e con le persone sia la maniera migliore che ho per presentarmi agli altri.

Quali sono gli aspetti più belli del tuo lavoro?
Mi fa piacere quando uno scrittore apprezza il mio lavoro e quando mi dice che ho capito l’essenza della sua scrittura, del suo libro. E quando grazie al mio lavoro di talent scout trova un editore interessato a pubblicarlo. Mi affeziono ai libri sui quali lavoro e vederli pubblicati e apprezzati dai lettori per me è una grande emozione.

E i meno piacevoli?
Quando le persone ti chiedono di lavorare gratis o per pochi euro. E non capiscono che anche se amo ciò che faccio, sono una professionista e il mio lavoro – come quello di tutti – va pagato.

Si sa che lavorare nell’editoria non permette di diventare ricchi, ma a parte il ritorno economico (esiguo o equo che sia) cosa ti “rimane” dopo aver lavorato ad un libro?
La soddisfazione di avere contribuito a realizzare un bel progetto.

 

I corsi on line di Carta e Calamaio

Scrivere per raccontareÈ da qualche tempo che teniamo corsi on line: si sta rivelando un’esperienza molto interessante e che ci dà notevoli soddisfazioni perchè abbiamo avuto la fortuna di incontrare allievi molto promettenti.
Proprio per questo, e per l’esigenza che un numero sempre maggiore di persone che ci seguono manifesta, abbiamo deciso di allargare l’offerta formativa proponendo una versione digitale di tutti i corsi che teniamo anche “dal vivo”.
I più attenti di voi avranno notato che ora – accanto alla pagina Corsi e workshop, in cui pubblichiamo di volta in volta il calendario dei corsi che teniamo ad Imola e in altre località della nostra regione e non solo – è comparsa la pagina Corsi on line dove presentiamo i corsi che teniamo tutto l’anno via mail o skype per offrire la possibilità di seguire i nostri momenti di formazione anche a chi vive lontano oppure per tanti altri motivi non riesce a frequentare le lezioni “live”.
L’offerta formativa che proponiamo, come potete vedere, è molto ampia e adatta sia a chi ama ancora strumenti più retrò come la mail (retrò si fa per dire, ma nell’era degli smartphone concedeteci questa licenza), sia a chi preferisce coinvolgere anche vista e udito su skype: dai corsi di editing e scrittura, a quelli dedicati ai social network più celebri (Twitter, Facebook, LinkedIn) fino alla creazione e gestione di un blog, ce n’è per tutti i gusti.
Guardate in questa pagina se qualche corso potrebbe fare al caso vostro e tenetela d’occhio spesso (o iscrivetevi qui alla nostra newsletter) perchè presto ne lanceremo di nuovi.

 

 

In arrivo la newsletter di Carta e Calamaio

bustaVuoi ricevere aggiornamenti sulle attività di Carta e Calamaio?
Iscriviti alla newsletter per conoscere le date dei prossimi corsi e workshop, delle presentazioni, gli ultimi libri pubblicati, i concorsi che ti consigliamo, e tanto altro ancora.
Per iscriverti vai a questo link e compila il form.
La prima newsletter arriverà nella tua casella mail tra qualche giorno.

 

Scrivere per raccontare: corso di scrittura narrativa

CorsoScrittura1Hai una buona idea per un racconto o un romanzo ma non sai come scriverlo in modo accattivante e gradevole?
Vuoi raccontare le tue emozioni ma ti assale il panico del foglio bianco?
Sei interessato a migliorare la tua scrittura e la tua capacità comunicativa?
Carta e Calamaio propone un corso in quattro lezioni per imparare a scrivere un racconto o romanzo partendo da una prima idea anche molto schematica di storia e sviluppando la narrazione, fino ad una prima stesura del testo e poi al manoscritto definitivo.
Il corso si svolgerà il 17, 24 novembre, 1, 15 dicembre dalle ore 18 alle 20 in Cioccolateria (Via Orsini, 3) a Imola.
Durante le lezioni saranno affrontati i seguenti argomenti:
L’idea per una storia: come trovarla e trasformarla in un progetto di scrittura
Cosa fare prima di iniziare a scrivere: schemi, soggetti, e altri suggerimenti
Come strutturare il testo
Scegliere il genere letterario, la forma narrativa, la voce narrante
Dare vita ai personaggi
Tempi e luoghi: il contesto della storia
I dialoghi
La revisione del testo
Editing e correzione di bozze
Sono previste esercitazioni pratiche durante le ore di lezione e a casa.

Docente sarà Carla Casazza: scrittrice, editor, giornalista pubblicista, si occupa di scrittura e comunicazione editoriale con una particolare attenzione agli autori esordienti.

Costo € 122

Informazioni, iscrizioni e prenotazioni: cartaecalamaio@gmail.com
cell 335 6770994

Iscrizioni entro il 14 novembre.

Per i corsisti la Cioccolateria propone una merenda speciale al costo di € 3.50 che comprende gaufre alla vaniglia e cioccolata calda.

 

I nuovi corsi di Carta e Calamaio: presentazione il 30 ottobre alla Libreria Mondadori di Imola

I CORSI DI CARTA E CALAMAIOPer i prossimi mesi vi abbiamo preparato un ricco calendario di corsi dedicati alla scrittura, alla lettura e ai social media.
Li presenteremo venerdì 30 ottobre (ore 18.30) alla Libreria Mondadori di Imola.
Abitate troppo lontano? Avete altri impegni? Poco male, ve li sintetizziamo anche qui.
Iniziamo dai corsi che si svolgeranno a Imola.

 

  • Scrivere per raccontare
    Corso di scrittura narrativa
    Obbiettivo del corso: scrivere un racconto o romanzo partendo da una idea anche molto schematica di storia e sviluppando la narrazione, fino ad una prima stesura del testo e poi al manoscritto definitivo.
    17, 24 novembre, 1, 15 dicembre 2015 ore 18-20
    Cioccolateria Imola (Via Orsini 3, Imola)
    Costo: € 122
    Iscrizioni entro il 14 novembre 2015.
    Programma del corso, modalità di iscrizione e altre informazioni a questo link
  • Persi nella rete
    Tre mini corsi per usare al meglio i social network e sfruttare efficacemente le loro potenzialità
    Twitter: cos’è e come si usa. Come fare microblogging e storytelling in 140 caratteri
    mercoledì 18 novembre 2015 ore 19-21
    Facebook: utili strategie per un uso efficace. Le potenzialità meno conosciute. Le impostazioni per difendere la propria privacy
    mercoledì 2 dicembre 2015 ore 19-21
    LinkedIn: creare un curriculum on line funzionale, costruirsi una reputazione professionale. Come usarlo per cercare lavoro o proporre professionalità
    mercoledì 16 dicembre 2015 ore 19-21
    Pancake (Via Emilia 199/b, Imola)
    Il costo di ciascun mini corso è di 25 €
    Programma del corso, modalità di iscrizione e altre informazioni a questo link
  • Scrivere per comunicare
    Corso di scrittura argomentativa
    Obbiettivo del corso: scrivere un testo (saggio, relazione, lettera, comunicato stampa, ecc.) corretto, efficace, circostanziato, e migliorare le proprie capacità di scrittura in generale.
    12, 19, 26 gennaio e 2 febbraio 2016 ore 18-20
    Cioccolateria Imola (Via Orsini 3, Imola)
    Costo: € 122
    Iscrizioni entro il 9 gennaio 2016.
    Programma del corso, modalità di iscrizione e altre informazioni a questo link
  • Leggere rende liberi
    Corso per lettori consapevoli
    Obbiettivo del corso: migliorare o approfondire il proprio rapporto con i libri, scoprire aspetti inediti della lettura, ampliare le proprie conoscenze letterarie, trovare spunti e idee o riscoprire la voglia di leggere.
    16, 23 febbraio, 1, 8 marzo 2016 ore 18-20
    Cioccolateria Imola (Via Orsini 3, Imola)
    Costo: € 98
    Iscrizioni entro il 13 febbraio 2016.
    Programma del corso, modalità di iscrizione e altre informazioni a questo link

Inoltre sabato 28 novembre terremo il Workshop di pronto soccorso letterario all’Artemusica B&B di Montefiore Conca (Rimini) di cui potete leggere tutti i dettagli a questa pagina

Vi piacerebbe partecipare ai nostri corsi ma non abitate in zona? Oppure avete orari di lavoro inconciliabili?
Ricordiamo che Carta & Calamaio offre un servizio di formazione a distanza.
Un tutor vi seguirà via mail per permettervi di sviluppare uno o più dei seguenti obiettivi formativi: editing collaborativo di un testo; dall’idea al testo: come dare vita ad una storia; valutazione e analisi di un progetto letterario o un testo già pronto; consigli, percorsi e risorse per pubblicare e promuovere i propri testi.
Ulteriori informazioni in questa pagina

Vorreste organizzare uno dei nostri corsi nella vostra città, anche in forma di workshop full immertion della durata di un weekend?
Contattateci alla mail cartaecalamaio@gmail.com

Il team di Carta e Calamaio: intervista a Maggie Van der Toorn

Chi sono i professionisti che fanno parte del team di Carta e Calamaio? Una volta tanto puntiamo i riflettori dietro le quinte e vi offriamo la possibilità di conoscerli meglio attraverso alcune interviste. Conosciamo meglio Maggie Van der Toorn, scrittrice e traduttrice olandese, da molti anni in Italia.

MaggiePerché hai scelto di lavorare in ambito editoriale?
È la passione per la letteratura che mi ha portata a fare questa scelta anche se più che una scelta è stato il destino a portarmi in ambito editoriale.
Scrivo fin da piccolissima, da quando si impara a leggere e scrivere diciamo. Sono nata in Olanda e alle elementari scrivevo racconti per il giornalino della scuola. La scrittura per me era uno sfogo, mi permetteva di sognare e di descrivere e vivere le mie speranze in una dimensione diversa. Quando poi mi sono trasferita in Italia e ho scoperto la lingua Italiana ho trovato il miglior modo per esprimermi.
Ho partecipato a vari concorsi letterari, ho vinto diversi premi che mi hanno introdotta nel sistema editoriale, offrendomi l’opportunità di pubblicare i miei lavori.

Spesso ci si sofferma poco sulle professioni del libro che affiancano e supportano lo scrittore nella realizzazione del progetto editoriale. Cosa significa realmente editare o tradurre un libro?
Scrivere un manoscritto, un libro, è un lavoro strettamente personale e individuale che richiede tempo e impegno. Al termine del lavoro però (ma anche durante, dipende dalle proprie esigenze) è assolutamente necessaria una revisione da parte di una persona esperta, un professionista nell’ambito editoriale. L’intervento di un editor serve non soltanto per correggere eventuali errori grammaticali ma soprattutto per la valutazione della costruzione dell’opera, ai fini di ottenere un buon prodotto da proporre ad eventuali editori e ovviamente ad un pubblico.
Stessa cosa per quanto riguarda le traduzioni, che personalmente trovo molto complesse da eseguire, nonostante la mia padronanza di diverse lingue. Mi scontro spesso con espressioni e parole incompatibili tra loro, perciò la lingua preferita per i miei lavori è sicuramente l’italiano.

Secondo te è necessaria una preventiva formazione al mestiere di editor/traduttore? Se sì in cosa dovrebbe consistere?
Assolutamente sì. Oltre all’esperienza occorre avere una base solida per poter analizzare e/o tradurre i lavori. Mi riferisco alla domanda precedente, credo che sia proprio quella una delle ragioni per cui ho difficoltà a tradurre i miei lavori, anche nella mia madrelingua.
Esistono case editrici che organizzano corsi di editing e che possono offrire collaborazioni freelance, è comunque consigliabile uno studio universitario.

Dicono che in Italia ci sono troppi scrittori e pochi lettori. Qual è il tuo rapporto con la lettura?
Credo che per poter scrivere bisogna prima leggere. Leggere è la miglior scuola per lo scrittore. È un modo per confrontarsi, per capire e per condividere.
Quando trovo un libro che mi interessa mi lascio catturare. Mi immergo nelle pagine e vorrei finirlo al più presto anche se la mia lettura è lenta perché ho bisogno di staccare e di riflettere sul contenuto. Perciò il libro che leggo lo porto ovunque, nella borsa, per sfruttare ogni momento di attesa.
Recensisco libri sul mio blog (scintilledimaggie.wordpress.com) nella rubrica consigli di lettura e mi piace molto farlo. È un modo per concludere la lettura e il libro e  inviare allo scrittore un mio “saluto” personale.

Qual è la domanda che gli scrittori ti fanno più spesso?
Gli scrittori esordienti mi chiedono spesso chi è il mio editore e come ho fatto ad avere un contratto.
Si creano spesso false illusioni dovute alla mala informazione. Bisognerebbe conoscere il mondo editoriale prima di tuffarsi, onde evitare di scontrarsi con disavventure. Proprio per quello ritengo così importante il supporto di un’agenzia letteraria.

Che rapporto hai con i tuoi colleghi?
Un rapporto bellissimo. Non c’è differenze di età, di livello, di cultura. Ci si ammira e ci si confronta reciprocamente, uniti dalla stessa passione e forma d’Arte in un grande scambio di idee, di opinioni e soprattutto in una ispirazione continua.

Quali sono gli aspetti più belli del tuo lavoro?
Gli aspetti più belli sono lo scrivere in forma fisica e l’incontro con il pubblico. Cerco di trasmettere emozioni e sensazioni attraverso il mio lavoro e quando ricevo conferme che esse vengono percepite dai lettori è una grande soddisfazione.

E i meno piacevoli?
Non ci sono aspetti meno piacevoli, forse più difficoltosi. Uno scrittore è anche promotore di se stesso. È suo compito far conoscere il proprio lavoro al pubblico con presentazioni, eventi, interviste ecc. L’editore cura la pubblicazione e la distribuzione, lo scrittore deve fare il resto.

Si sa che lavorare nell’editoria non permette di diventare ricchi, ma a parte il ritorno economico (esiguo o equo che sia) cosa ti “rimane” dopo aver lavorato ad un libro?
Rimane una prova indelebile del proprio lavoro. La trasformazione delle proprie idee in una pubblicazione, disponibile a tutti. Un prodotto in una vetrina della libreria, on-line, crea un precedente e il desiderio infrenabile di continuare e migliorare, sempre.

 

Il team di Carta e Calamaio: intervista a Federica D’Ascani

Chi sono i professionisti che fanno parte del team di Carta e Calamaio? Una volta tanto puntiamo i riflettori dietro le quinte e vi offriamo la possibilità di conoscerli meglio attraverso alcune interviste. Iniziamo oggi con Federica D’Ascani, editor e scrittrice che per Carta e Calamaio si occupa di rappresentanza editoriale.

11992034_10206387042186379_513652874_nOgni mattina un italiano si sveglia e decide di fare lo scrittore… Battute a parte, ciascuno di noi dovrebbe essere in grado di capire se la scrittura è una dimensione che gli è congeniale o meno, e rendere pubblici i propri lavori solo se – dopo un sincero esame di coscienza – è convinto di potere offrire ai lettori qualcosa di stimolante, degno di attenzione, che valga la pena di essere letto.
Quali sono, secondo te, le premesse che “autorizzano” un aspirante autore a prendere in mano la penna (o la tastiera)?
Aver letto di tutto e per anni, sincerandosi, inoltre, di avere in mano almeno le basi grammaticali adatte. Questo in primo luogo. Poi arriva la cosa, forse, ancora più importante: avere qualcosa da dire. Ma da dire veramente, senza copiare, senza cercare di arrivare solo perché si ha una visione romantica dello scrittore alla Richard Castle: un libro, un best seller. Non funziona così e se l’italiano in oggetto ha come prerogativa “diventare famoso nel mondo” lasciasse perdere, quello dello scrittore non è il mestiere che fa per lui. Continue reading “Il team di Carta e Calamaio: intervista a Federica D’Ascani”

Benvenuta a Federica D’Ascani!

Riprendiamo l’attività dopo la pausa estiva e lo facciamo con tante nuove belle novità che vi racconteremo un po’ alla volta nei prossimi giorni. Intanto diamo il benvenuto nello staff a Federica D’Ascani che si occuperà del lavoro di rappresentanza editoriale in collaborazione con Carla Casazza.
Intanto, se volete sapere qualcosa di più su Federica potete leggere qui. Prossimamente avrete modo di conoscerla più da vicino.
Come?
Seguiteci e lo scoprirete.

 

Riprendono i corsi a distanza di editing e scrittura narrativa

FullSizeRender3

Dopo la pausa estiva, Carta & Calamaio riprende la formazione a distanza per aspiranti scrittori e autori esordienti con quattro corsi durante i quali un tutor vi seguirà via mail per permettervi di sviluppare uno dei seguenti obiettivi formativi a scelta:
–    Editing collaborativo di un testo (max 100 cartelle tipografiche di 2000 caratteri spazi inclusi): il tutor guida l’allievo nelle varie fasi di editing del testo, fornendogli gli strumenti per lavorare sul proprio testo, correggendo gli errori, rispondendo a dubbi e domande
–    Dall’idea al testo: come dare vita ad una storia. Partendo da una prima idea anche molto schematica di storia (racconto o romanzo) – può semplicemente trattarsi di un tema oppure essere già un progetto di racconto – il tutor guida l’allievo nello sviluppo della narrazione, fornisce spunti per elaborare nuove idee, aiuta a superare i “blocchi” creativi e le difficoltà e a procedere fino ad una prima stesura del testo.
–    Valutazione e analisi di un progetto letterario o un testo già pronto: il tutor aiuterà l’allievo a individuare punti deboli e forti, a fare gli aggiustamenti necessari ed ottenere un progetto o un manoscritto da sottoporre alla valutazione di agenzie ed editori.
–    Consigli, percorsi e risorse per pubblicare e promuovere i propri testi.

Continue reading “Riprendono i corsi a distanza di editing e scrittura narrativa”

Formazione a distanza per aspiranti scrittori e autori esordienti

FullSizeRender3Carta & Calamaio offre un servizio di formazione a distanza per aspiranti scrittori e autori esordienti.
Un tutor vi seguirà via mail per permettervi di sviluppare uno dei seguenti obiettivi formativi a scelta:
–    Editing collaborativo di un testo (max 100 cartelle tipografiche di 2000 caratteri spazi inclusi): il tutor guida l’allievo nelle varie fasi di editing del testo, fornendogli gli strumenti per lavorare sul proprio testo, correggendo gli errori, rispondendo a dubbi e domande
–    Dall’idea al testo: come dare vita ad una storia. Partendo da una prima idea anche molto schematica di storia (racconto o romanzo) – può semplicemente trattarsi di un tema oppure essere già un progetto di racconto – il tutor guida l’allievo nello sviluppo della narrazione, fornisce spunti per elaborare nuove idee, aiuta a superare i “blocchi” creativi e le difficoltà e a procedere fino ad una prima stesura del testo.
–    Valutazione e analisi di un progetto letterario o un testo già pronto: il tutor aiuterà l’allievo a individuare punti deboli e forti, a fare gli aggiustamenti necessari ed ottenere un progetto o un manoscritto da sottoporre alla valutazione di agenzie ed editori.
–    Consigli, percorsi e risorse per pubblicare e promuovere i propri testi. Continue reading “Formazione a distanza per aspiranti scrittori e autori esordienti”

Auguri e una strenna

strenna-martini_800_600 Quest’anno noi di Carta&Calamaio vogliamo farvi gli auguri in maniera diversa, regalandovi un libro.
Si intitola Il nostro due agosto (nero) è stato pubblicato nella collana Officina Marziani di Antonio Tombolini Editore e lo potete scaricare gratuitamente da Ultimabooks e da tutti i migliori store online.

Prima di lasciarvi alla scheda del libro, che vale la pena di essere letto e regalato, vi auguriamo di cuore Buone Feste! Ci ritroverete dal 7 gennaio 2015.

Il nostro due agosto (nero)
44 racconti sulla strage di Bologna raccolti e curati da Luca Martini

Il 2 agosto 1980 nella sala d’aspetto di seconda classe della stazione di Bologna una bomba causò la morte di 85 persone e il ferimento o la mutilazione di oltre 200. Uno dei capitoli più cupi della storia dell’Italia contemporanea. Una ferita aperta nella democrazia. Un lampo di angoscia in un Paese che stava pensando a ben altro: a una vita normale, possibilmente migliore.
Il progetto per questo libro è nato nel ricordo, la mattina del 2 agosto 2014, quando il suo curatore, Luca Martini, ha realizzato che stava scrivendo, quasi senza accorgersene, il proprio racconto su quel terribile 2 agosto del 1980.
In quel momento ha pensato: ecco cosa manca, un libro in cui si raccontano le sensazioni, le paure, gli odori, le speranze di quei drammatici momenti. Un libro a più voci.
Il nostro due agosto (nero) raccoglie 44 fotogrammi, 44 racconti, di quel terribile giorno: tra gli autori ci sono scrittori famosi (Barbara Garlaschelli, Alessandra Sarchi, Gianluca Morozzi, MariaGiovanna Luini, solo per citarne qualcuno) e persone comuni, che magari prima di questa occasione non avevano mai pensato di scrivere. Tutti alla pari, ognuno con la propria voce, per non dimenticare.
Il libro è realizzato grazie al contributo completamente gratuito di tutti gli autori ed è disponibile, gratuitamente, sia in formato elettronico, nella collana Officina Marziani di Antonio Tombolini Editore, sia con una piccola tiratura a stampa sostenuta dal Comune di Ozzano dell’Emilia.

Nasce la collaborazione tra Carta e calamaio, Officina Marziani e Oceania

officina-marziani_logo-011

Siamo molto felici di annunciare la prima di alcune buone notizie che rendono speciale questa nostra riapertura dopo le ferie estive: la nostra agenzia scende in campo accanto ad Antonio Tombolini Editore e Simplicissimus per coadiuvare Michele Marziani nella gestione delle collane Officina Marziani e Oceania.
Il nostro compito sarà quello di aiutare Michele nel lavoro di redazione e nella promozione delle due collane.
Qui potete leggere l’intervento di Michele a tale proposito.

Seguiteci e scoprirete presto tante informazioni interessanti su queste due fucine dalle quali escono ebook molto belli.

Ma le belle notizie, come scrivevo ad inizio post, pare si siano chiamate le une con le altre. Quindi state sintonizzati perchè presto vi racconteremo di altre belle sinergie.

oceania_logo-01

Workshop di pronto soccorso letterario-editoriale

Alessandro Ariaudo (foto di Alessandro Ariaudo)

Ti piacerebbe cimentarti nella scrittura ma non hai una storia interessante da raccontare?
Oppure hai in mente una storia bellissima ma quando ti trovi davanti il foglio bianco non sai da che parte cominciare?
Hai dei dubbi riguardo alla struttura del testo?
Vorresti dare vita a personaggi che “lascino il segno”?
Come scrivere dialoghi plausibili ed efficaci?
Hai bisogno di consigli relativi alla revisione? Sei in grado di tagliare senza pietà e di rileggere con senso critico?
Sai dire che differenza c’è tra editing e correzione di bozze? E come si procede per fare un editing efficace?
Una volta che il manoscritto è pronto come ci si muove?
A chi è consigliabile farlo leggere?
Self publishing or not self publishing?
Come dare inizio all’impervio percorso verso la pubblicazione con buoni risultati e senza farsi raggirare? Quali sono gli errori da non commettere?
Come funziona davvero il mondo editoriale? Quali sono i miti e le leggende metropolitane?
E una volta pubblicato il libro come ci si comporta?

Continue reading “Workshop di pronto soccorso letterario-editoriale”

Blog su WordPress.com.

Su ↑