ENKIDU_FESTIVALPrima edizione, dal 27 al 29 maggio a San Lazzaro (Bologna) per Enkidu, festival di scrittura selvatica, che si propone di riunire autori, editori, ricercatori interessati al rapporto tra uomo e piante per esplorare il rapporto profondo che esiste tra umani e mondo vegetale, in particolare alberi, boschi, foreste.

“Il lato selvatico – è spiegato nel sito del festival – , da Gary Snyder a Cormac McCarthy, da Paul Shepard a John Zerzan, non è identificabile con un ritorno allo stato di natura. Questo ritorno per certi versi è impossibile e l’idea di natura, se ha ancora un senso, deve sganciarsi da categorie occidentali e antropocentriche. Il selvatico, la wilderness, parlano invece di un’alterità irriducibile, non perimetrabile, non addomesticabile, una specie di terreno non-umano che mette in crisi genere, specie e identità. Come si confrontano gli scrittori più recenti con questo grumo che non è “natura”, “paesaggio” o “ecosistema”? Come danno forza di parola a ciò che non parla la lingua dell’uomo? Come intercettano urgenze ambientali, etiche, artistiche ispirate dal selvatico? Quali racconti, quali modi di narrare sono generati dal contatto con la wilderness? ”

Potete trovare tutte le informazioni sul festival e il programma dettagliato a questo link.