7sonoire-800x600-01Angelo Ricci, autore di Sette sono i re, da poco pubblicato nella collana Officina Marziani di Antonio Tombolini Editore, ci regala l’incipit del romanzo.
Buona lettura!

Un fruscio sottile che sibila insistente. 
Una decisa tensione delle sottili gomme, compatte di aria compressa, che segnano di scie sinuose l’asfalto grigio. Abbandonando minuscole particelle di mescola scura che si uniscono all’infinita pressatura del bitume.
Atomi evanescenti di carbonio senza peso che aiutano l’impegno costante dei quadricipiti femorali e dei muscoli sartori. 
Toraci incurvati dalla sfida infinita contro l’attrito dell’aria e dalla guerra ingaggiata contro i minuti e i secondi.
Bicipiti rigidamente flessuosi chiudono, senza possibilità di fuga, ellissi delimitate da manubri lucidi e curvi e da strie imbottite di caschetti dai colori psichedelici.
Corpi rigidamente infissi nel perseguimento di un unico movimento. Essenzialità anatomiche, senza grammi di adipe superfluo, fasciate da tute aderenti fucsia e verde smeraldo.
La sagoma pluricellulare si snoda a lungo sulla strada, scindendosi per poi ricompattarsi, sgranandosi per poi diventare improvvisamente turgida.
Un braccio avvolto dal nero striato di rosa di una calzamaglia termica, appositamente studiata per ridurre al nulla l’attrito dell’aria e, forse, del tempo, disegna, con indiscussa autorità, un gesto imperioso, come un cavaliere templare che guidi una carica appena uscita dalle mura imprendibili della fortezza siriana del Krak.
Automobili e pedoni sono costretti a spostarsi all’improvviso, sfiorati da sguardi duri, di pietra, compresi nell’essenza della missione e celati dalle lenti buie di occhiali dalla struttura perfettamente aderente alla circonferenza del cranio
Non c’è nessuna staffetta. Non c’è nessuna moto della polizia urbana. Non c’è nulla. 
Soltanto la forza impositiva e autoritaria di un organismo che ha, come scopo unico e ultimo, quello di spostarsi da un punto verso un altro. Alla velocità massima possibile che l’uomo, alleato con le migliori e più leggere biciclette, possa raggiungere. 
È uno sfoggio di autorità feudale. È la rivincita della forza muscolare. È l’insurrezione dell’uomo contro la macchina e contro la pigrizia. 
E, come tutte le insurrezioni, vuole le sue potenziali vittime.
Lo sciame migra attraverso le vie. Abbandona con velocità le strade provinciali delimitate dai fossi e dai campi. Occupa tutte e due le corsie,  impedisce i sorpassi, rallenta auto e camion, nella speranza, racchiusa nella sua intelligenza multicellulare e collettiva, di poter incontrare qualcuno che trasporti un malato grave verso un qualsiasi ospedale e di poterlo così rallentare, incurante delle sue proteste, fino alla probabile morte. Pronto a riprendere la corsa infinita, sicuro dell’oblio indifferente notificato dall’espressione stolida delle molte facce di pietra della sua struttura.
Lo sciame dimentica in fretta i campi e i boschi che hanno segnato la sua migrazione iniziale ed entra a velocità silenziosa nei paesi della pianura, attraversando strade, violando il rosso dei semafori, accarezzando pericolosamente, con la sua scheletrica dinamicità di carbonio, i corpi dei vecchi che si stringono verso i muri e i passeggini spinti dalle poche madri che, immobilizzate dal panico, tentano di difendere i loro trabiccoli chiudendocisi sopra a riccio.
Migra lo sciame. Migra velocemente in silenzio. Attraversa paesini, dimentico del paesaggio superfluo, delle strade, delle case, dell’impaccio dei pedoni. 
Tutto deve essere ricondotto all’autorità dello sciame.
Non un suono, non una parola escono dalle bocche contratte e impegnate nella gestione dell’equilibrio dei muscoli e della respirazione.
Nel sussurro senza sosta del suo incedere costante, lo sciame abbandona presto le poche case dei paesi per rituffarsi nella corsa e perdersi nell’inseguimento del tempo.
È un organismo compatto. Uno, due al massimo, alla guida. In coppia, uno vicino all’altro. In una danza di telai e di ruote al carbonio e di tute termiche dai colori sgargianti e fluorescenti che si diluiscono su un comune fondo nero. Nero come la pece. Nero come la notte. Nero come la morte.
È una instancabile oscillazione, appena scomposta dai gesti di comando che le due avanguardie impongono a chi ha la sfortuna di incontrarlo. Al gesto imperioso del braccio teso, puoi buttarti solo a destra o a sinistra. Non hai scampo. Passa lo sciame.
Pochi dei suoi microorganismi rimangono indietro. Giusto il tempo perché l’intelligenza collettiva del gruppo deceleri appena. Quel poco che basta a ricompattare al suo interno i ritardatari. 
Lo sciame deve essere unito. 
Sempre.