Nel nome di MarcoProsegue a ritmo serrato il tour promozionale di Nel nome di Marco, il nuovo romanzo di Michele Marziani, con due presentazioni a Rimini e Bologna.
Nel libro, edito da Ediciclo, viene ricordato – attraverso le vicende del protagonista – il mito di Marco Pantani, il Pirata del ciclismo.
E proprio nel giorno della nascita di Pantani, il 14 febbraio, la Libreria Feltrinelli di Rimini ospiterà alle ore 18,00 Michele Marziani che chiacchererà del romanzo assieme al critico e poeta Paolo Vachino.
Secondo appuntamento venerdì 28 febbraio  a Bologna, sempre alle ore 18, alla Libreria Irnerio.

A dieci anni dalla scomparsa di Marco Pantani, Michele Marziani scrive un romanzo in cui il mito del Pirata, tra ascesa e caduta, viene ripercorso nella personale vicenda del protagonista, un ex sacerdote che ha lasciato la tonaca per sposare la donna che ama, ma che vive come una punizione la sofferenza per la malattia e la “diversità” del figlio nato da quel matrimonio. Fino a trovare da ultimo un’inattesa, sorprendente risposta.
In un mondo che vorrebbe solo lustrini e fuochi d’artificio, una storia di amori e passioni che prova a spiegare l’inspiegabile: il perché ci sono uomini a cui la “normalità” è impossibile. Dopo il successo di Umberto Dei. Biografia non autorizzata di una bicicletta, Michele Marziani torna a scrivere un romanzo che “gira intorno” alla passione per il ciclismo.
Maggio 1999, Oropa, quindicesima tappa del Giro d’Italia. Al traguardo in cima alla salita del Santuario Marco Pantani vince a modo suo: dopo essere rimasto staccato dal gruppo, con una spettacolare rimonta va a riprendere e a superare, uno per uno, tutti gli avversari. Don Fausto, all’arrivo, confuso nel tripudio del ubblico, assiste a quell’ennesima impresa che apre a Pantani le porte della leggenda. E pensa che è vero, che nulla è impossibile. Decide così di abbandonare la tonaca e di sposare Sandra con la quale ha da tempo una storia d’amore.
Dal matrimonio nasce Marco, affetto dalla sindrome di Down. Fausto non riesce a accettarlo e vive nel senso di colpa che Dio l’abbia punito per aver lasciato la Chiesa. È talmente divorato dai rimorsi che arriva ad abbandonare la famiglia. Quando Pantani muore l’ex sacerdote si trova casualmente a Rimini per rincontrare la moglie Sandra e il figlio Marco. La notizia della morte del campione desta in lui una forza nuova e inattesa e lo conduce verso una scelta che non avrebbe mai immaginato di compiere: una scelta in bicicletta. Una storia allo specchio dove dalla tragedia nasce una forma differente d’amore.