La parte di niente di Angelo Ricci: esce il primo romanzo della “efferata trilogia”

cover-angelo-ricciE’ disponibile in formato ebook nei migliori store La parte di niente (Errant Editions), il nuovo romanzo di Angelo Ricci, primo di una  “efferata trilogia”.

Tutte le storie sono una sola storia e tutti i libri sono un solo libro. Narrazioni, film, visioni sotterranee che fondono le trame del mondo in una dissezione di quello che scorre nell’universo parallelo del raccontare. E l’osservarsi coattivo in quello specchio borgesiano che è una storia fa di ogni autore la vittima e il carnefice di quella stessa storia. Debiti infiniti di letture, di formazioni e, forse, di vessatorie ossessioni devono essere in qualche modo onorati.
La parte di niente è, come ogni storia, il riflesso di quei debiti, di quelle letture, di quelle formazioni e di quelle vessatorie ossessioni. E, come ogni storia, è attraversata da rimandi, da citazioni, da efferate influenze, da perpetui ed eterni vincoli, a volte icone assolute, a volte semplici, ma non meno importanti, testimoni di una frase o prodromi di un’idea (e forse, proprio per questo, ancor più definitivi).
Gli autori soprattutto. Borges, Bolaňo, DeLillo. Tripartizione sacrale, riflesso di tripartizioni alla Dumézil, alla Guenon, alla Gurdjieff.
I film, istante infinito di relazioni narranti. Under fire, di Roger Spottiswode. Scorpio rising, di Kenneth Anger. Motorpsycho!, di Russ Meyer. Il seme della follia e La fin absolue du monde, di John Carpenter.
I libri, universo totalizzante, fine e principio di ogni cosa. 2666, Stella distante, Consigli di un discepolo di Jim Morrison a un fanatico di Joyce, di Roberto Bolaňo (il terzo con A.G. Porta). Ossa nel deserto, di Sergio González Rodríguez. Il pendolo di Foucault, di Umberto Eco. Hitler e il nazismo magico, di Giorgio Galli. Il mattino dei maghi, di Pauwels e Bergier. Prima delle nazioni. Popoli, etnie e regni fra Antichità e Medioevo, di Stefano Gasparri. Gli Adelphi della dissoluzione, di Maurizio Blondet. Storia dell’impero bizantino, di Georg Ostrogorski. Hollywood Babilonia, di Kenneth Anger. In viaggio con la zia, di Graham Greene. Il buon soldato, di Ford Madox Ford. Leviathan, di Julien Green. Great Jones Street e Running dog, di Don DeLillo. L’onorevole scolaro, di John Le Carré. Dissipatio H.G., di Guido Morselli. L’Aleph e Finzioni, di Jorge Luis Borges. Á rebours, di Joris Karl Huysmans. Z, La guerra dei narcos, di Diego Enrique Osorno. Riviste anni ’90, l’altro spazio della nuova narrativa, di Piersandro Pallavicini. Tutto il ferro della torre Eiffel e Fantasmagonia, di Michele Mari. cose (mai) dette: fuori orario di fuori orario, di Enrico Ghezzi.
Citazioni, rimandi, riflessi, influenze. Senza soluzione di continuità.

La parte di niente ha anche una board dedicata su Pinterest.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: