apranzocongiuliaA pranzo con Giulia di Michele Marziani fa parte della rosa dei cinque finalisti a cui verrà assegnato il Premio Selezione 8° Bancarella della Cucina.
Il vincitore sarà decretato a Pontremoli la sera del 19 Luglio quando verranno aperte dal notaio le schede degli 80 librai votanti.

Cucinare può essere mille cose insieme, dipende da come si guardano le cose. In A pranzo con Giulia c’è la cucina di tutti i giorni, che si prepara in poco tempo ma con tanto cuore. Le regole sono minime ma di quelle che fanno la differenza: prodotti freschi, amore per il cibo e per le persone per cui si cucina, fantasia da mettere nel piatto. Ricette semplici (una bella frittatina di stagione), a volte semplicissime (le fragole al cioccolato!), a volte semplicemente inaspettate (il polpo senza speranza??). Niente dosi, si fa così come viene, come si faceva un tempo, e non si sbaglia. C’è tradizione, occhio al territorio e alla stagionalità, qualche incursione in paesi lontani, piatti che vadano a genio anche ai bambini e che magari si possano realizzare insieme. Ricette raccontate, che sanno di cosa parlano: di cibo, chiaramente, ma non solo. Dedicate a Giulia e alle persone per cui ti viene voglia di prendere in mano una padella.

A pranzo con Giulia è un libro di addio perchè è l’ultimo lavoro dedicato al cibo che Michele Marziani intende pubblicare.  Ha infatti deciso di dire addio alla scrittura enogastronomica poichè tutto quello che aveva da dire intorno al vino e al cibo l’ha detto. Per Michele Marziani si chiude un capitolo e come scrive: “Racconto storie, oggi. E ne sono felice.”