Scrivere un romanzo in cento giorni
Morgan Palmas
Marco Valerio Edizioni, 2009

Scrivere un romanzo in cento giorni di Morgan Palmas fa una promessa ambiziosa, che tutti gli aspiranti scrittori vorrebbero fosse mantenuta. Sinceramente è difficile per me – che da vent’anni scrivo ogni giorno per “mestiere” – affermare con sicurezza se i consigli elargiti da Morgan possano davvero aiutare un aspirante scrittore a mettere sulla carta il proprio
sogno. Così ho cercato di leggere il libro con gli occhi di chi sta muovendo i primi passi nel mondo della scrittura. E mi pare che le informazioni fornite siano precise, esaustive, utili a capire come orientarsi e procedere nel proprio progetto. L’articolazione in piccole tappe quotidiane incoraggia ad affrontare un’impresa che a molti pare insormontabile, a vincere il “panico” da foglio bianco: Gli argomenti trattati spaziano dall’organizzazione del lavoro alle regole di ortografia e sintassi, dalla struttura narrativa agli standard editoriali, e propone anche alcune riflessione sul valore e gli scopi della scrittura. Una volta terminata la lettura del libro, l’aspirante scrittore forse non avrà scritto il suo romanzo del cuore, ma sicuramente si sarà chiarito molte idee, avrà capito come lavorare e avrà maggiori nozioni relative alla lingua italiana (cosa che non guasta mai). Può essere uno strumento utile anche per i professionisti della scrittura: un “ripassino” non fa mai male a nessuno, e qualche cosa di nuovo da imparare c’è sempre.