C’è anche Molto lontano da qui di Vera Demes tra i romanzi selezionati come semifinalisti del concorso Ilmioesordio lanciato quest’estate da Ilmiolibro, in collaborazione con Scuola Holden e Feltrinelli. Il romanzo affronta un tema tristemente attuale come la violenza sulle donne: attraverso la storia di amicizia tra due giovani donne, racconta di legami familiari che incatenano ad un futuro non desiderato, dell’incapacità di fuggire da un amore distruttivo, dei soprusi e i condizionamenti che ancora oggi le donne subiscono sul lavoro.
L’autrice – che ha deciso di tentare la scommessa dell’autoproduzione (il libro è realizzato con http://ilmiolibro.kataweb.it/) convinta che sia una delle strade future più efficaci da percorrere per gli autori esordienti – racconta con realismo e amarezza le vicende di Flora e Lucia che condividono il sogno di diventare hostess di una compagnia aerea. Per Flora è l’occasione di evadere da un rapporto soffocante con la madre vedova, Lucia invece vede nel lavoro una possibilità di riscattarsi da una grigia esistenza in un contesto sociale che lascia poche prospettive per il futuro. Alle loro esistenze si intrecciano le vite di Giulio, spaventato all’idea del matrimonio, e Leonardo, violento e ambizioso che usa le donne ma è incapace di amare. L’egoismo brutale, la mancanza di fiducia e di speranza, le perdite irrimediabili e gli sbagli dettati dallo scarso amore per sé stesse, condurranno le protagoniste verso un baratro da cui sarà difficile risollevarsi. Ma la discesa nel baratro ha sempre e comunque una fine. E una rinascita. Che crede nella vita e nell’amore.
Vera Demes è lo pseudonimo di una Project Manager italiana con la passione per la scrittura. Oltre a “Molto lontano da qui” ha pubblicato – sempre in autoproduzione con Ilmiolibro – “La nebbia, le torte, il ricordo” e “Il perfetto angelo custode”.