Sarà in tutte le librerie ad ottobre La gabbia criminale, il nuovo romanzo che Alessandro Bastasi pubblicherà con Eclissi Editore.
Dopo la prima buona prova con La fossa comune, Bastasi si dedica decisamente al giallo ma non rinuncia a qualche contaminazione storica.
La gabbia criminale è una storia corale che rimbalza tra presente e passato, l’affresco di un contesto sociale e di un’epoca non così lontana come sembra; i piani temporali si sovrappongono e si confondono, dando vita a un ritratto tanto accurato quanto impietoso della provincia trevigiana. La storia prende il via molti anni fa in un borgo alla periferia di Treviso dove è stato commesso un atroce duplice delitto che ha lasciato una scia di dolore e di vergogna. Il colpevole – che fino alla morte si è professato però innocente – è già stato da tempo processato e condannato; pare tutto ormai ingoiato dall’oblio.
Ma Alberto, insegnante in pensione, torna a vivere a Treviso proprio nella casa dove aveva abitato nei suoi primi anni di vita, e dove viene aggredito dai fantasmi del passato che gli chiedono insistentemente di trovare la vera soluzione del giallo.
Legami di sangue intrecciati di segreti rancori, ipocrisie e finto perbenismo, vendette politiche e sociali non ancora del tutto consumate, riportano a galla atrocità commesse in un periodo storico in cui tanti delitti restavano impuniti e l’ingiustizia sollevava scarsa ribellione, costruendo intorno ai protagonisti una “gabbia criminale” dalla quale era difficile liberarsi.